MotoGp 2019 Gp di Catalogna, dichiarazioni di Rossi e Vinales al termine della gara

E’ terminata l’ultima giornata del weekend in Catalogna, settima prova del mondiale. Le due Yamaha hanno fallito l’obiettivo punti, Rossi e Vinales sono entrambi usciti di scena dopo pochi giri. 

La colpa è stata di Jorge Lorenzo e della sua manovra azzardata. Sentiva di essere in forma, di avere una moto che rispondeva ai suoi dettami, ma ha voluto strafare. Non era in una situazione di difficoltà, ma vicino ai suoi avversari. Avrebbe potuto comportarsi diversamente, aspettare un momento più propizio per poter attaccare. Da un pilota della sua esperienza non ci si aspetta degli errori del genere. 

Rossi inquadrato in pista mentre percorre un giro in Catalogna.
Fonte: Facebook Rossi

Rossi ha cercato di capire la manovra azzardata dello spagnolo, visto che veniva da un inizio di stagione complicato. Si sentiva in forma, in quel momento aveva sorpassato Petrucci ed era in posizione di lancio per andare a riprendere Marquez. C’erano tutte le premesse per fare bene qui in Catalogna:

“E’ un grande peccato: mi sentivo benissimo, avevamo lavorato tanto nel fine-settimana, mi stavo divertendo e dopo il warm up andava pure meglio. Poteva essere una giornata da podio, invece. Lorenzo bisogna capirlo: viene da un periodo difficile, ci ha provato. Certo quella curva si fa in prima, sembra di guidare nel parcheggio di un supermercato. Spiace, perché proprio in quel momento avevo deciso di passare Petrucci e andavo veramente forte. Ma non voglio giudicare la manovra di Jorge, al limite lo farà la Direzione Gara”.

Vinales ringrazia ugualmente la squadra nonostante l’uscita nei primi giri.
Fonte: Twitter Vinales

Il suo compagno di squadra Vinales è piuttosto seccato per il comportamento della Direzione di Gara. Ha giudicato la manovra di Lorenzo come un errore, ma secondo lui andrebbe punita diversamente:

“Lorenzo va penalizzato: ha rovinato la gara e il campionato di 3 piloti. Non è venuto nemmeno a scusarsi al box. E’ un pilota di grande talento ma ha commesso un errore da rookie. Anche nel warm up di aveva superato, evidentemente era sotto pressione: però questo non lo giustifica. Poteva superarmi sul dritto, perché attaccarmi in quella curva al 2° giro? Va punito, altrimenti da domani tutto sarà lecito”.

Lorenzo Carrega

Informazioni sull'autore
Giornalista Pubblicista. Esperienze in ambito giornalistico locale, non solo di sport, ma anche di cultura e tempo libero. La scrittura è la mia passione
Tutti i post di Lorenzo Carrega