Mondiali 2018, Croazia: un sogno chiamato Ancelotti

La federazione della Croazia sogna in grande: l’idea è quella di convincere Carlo Ancelotti a guidare la Nazionale per i Mondiali 2018. Prima, però, c’è da battere la Grecia negli spareggi. 

Carlo Ancelotti non ha ancora deciso come proseguirà la sua carriera e continua a far gola a molti.
Tantissime sono le squadre di club interessate al tecnico di Reggiolo ed ogni giorno si fanno largo nuove pretendenti. 
Oggi, come riportato nell’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, è il turno della Croazia

Il sogno della federazione croata è quello di affidare la panchina della propria Nazionale a Carlo Ancelotti, che avrebbe il compito di guidare Rakitic, Brozovic, Modric e company nella spedizione Mondiale 2018

mondiali

Prima di affondare il colpo, però, ci sono da superare i play off contro la Grecia, ultimo scoglio prima di poter essere ufficialmente con entrambi i piedi al Mondiale in Russia del 2018. 

Carlo Ancelotti ha annunciato di voler rimanere a riposo almeno fino al prossimo maggio, declinando dunque ogni offerta prima del termine della stagione in corso. Un impegno con una Nazionale, dunque, sarebbe compatibile, almeno in parte, con i suoi progetti.

L’ex tecnico di Milan, Real Madrid, PSG e Bayern Monaco, tra le altre, avrà tutto il tempo necessario per ricaricare le pile e decidere con calma il progetto da sposare per il grande ritorno in posta. 

Migliori Bookmakers AAMS

Sito scommesseCaratteristicheBonusVai al sito
Eurobet10€ Bonus Scommesse al DepositoBonus Scommesse fino a 215€ Vai al sito
SNAIBonus 15€ Gratis alla RegistrazioneBonus 100% fino a 300€ sul primo deposito Vai al sito
Starcasino ScommesseFino al 300% Bonus Multipla ScommesseBonus Fino a 1000€ Vai al sito

Informazioni sull'autore
Vivo a Roma e sono laureto in Scienze politiche e relazioni internazionali alla Sapienza. Amo il calcio e la mia passione mi spinge a mettermi quotidianamente alla prova con un solo sogno nel cassetto: diventare un grande giornalista sportivo.
Tutti i post di Gabriele Arcifera