MLS 2019, risultati 3°giornata. Prima storica vittoria per Cincinnati. Ancora bene Seattle. Brutto avvio per Vancouver e San Jose

Terza giornata della MLS. Ok Seattle, Montreal, Toronto e Houston. Male Chicago, Vancouver e San Jose.

Chicago Fire- Seattle Sounders FC 2-4:Pesante sconfitta per Chicago che fatica a trovare i primi tre punti in questo avvio di stagione. Gara che inizia subito in salita per la squadra di casa: al 2′ Jordan Morris si avventa sul pallone messo in mezzo da Victor Rodriguez ma bravo è David Ousted a chiudere sul primo palo ed evitare il gol. Rete che però arriva cinque minuti dopo a ruoli invertiti: Rodriguez segna, Morris serve. Seattle poi raddoppia con lo straripante Morris servito egregiamente da Nicolas Lodeiro (14′). Subito dopo è lo stesso Lodeiro ad impensierire Ousted. La ripresa si apre con il fallo da rigore di Marcelo su Rodriguez. Capitan Lodeiro trasforma e firma il tris. Alla prima occasione Chicago segna: Raheem Edward aggredisce di testa l’assist di Charles Sapong e prova ad aprire un piccolo barlume di speranza (56′). A sette dalla fine Fabian Herbers accorcia ulteriormente le distanze dopo una ribattuta di Stefan Frei. Ci pensa però Raul Ruidiaz all’ottantottesimo ad annullare definitivamente le speranze di Chicago. 

Columbus Crew vs Dallas 1-0: Seconda vittoria di fila per Columbus che sblocca il risultato su angolo al 10’ con Gaston Sauro. Dieci minuti dopo occasione per il raddoppio: Jesse Gonzalez respinge centralmente il tiro di Robinho ma Gyasi Zardes manda clamorosamente alto. Gara che da qui non regala emozioni fino però al 56’, minuto in cui Michael Barrios viene fermato da Zack Steffen in uscita. Dallas continua ad attaccare sino a trenta secondi dalla fine, quando il tiro di Ryan Hollingshead finisce fuori.

Houston Dynamo vs Vancouver Whitecaps 3-2: Dopo il pareggio della prima giornata con Real Salt Lake, Houston trova la seconda vittoria consecutiva ai danni di un Vancouver ancora a 0 punti.

Al quarto d’ora i texani passano in vantaggio: Derek Cornelius rinvia su Alberth Elis, che la mette al centro e trova Memo Rodriguez. Poco dopo è la traversa a negare il raddoppio di Alberth Elis. Al 35′ per il fallo di Adam Lundqvist su Fredy Montero, il signor Nima Saghafi concede il rigore. Dal dischetto è lo stesso Montero a fare 1-1. I canadesi vengono però ripagati con la stessa moneta: Elis viene messo giù in area dalla scivolata di Cornelius. Trasforma e riporta Houston in vantaggio(42′). Nella ripresa Vancouver trova di nuovo il pareggio con Alhassane Bangoura messo in movimento da un passaggio maldestro di Matias Vera. Una ventina di minuti e Houston trova il gol vittoria con la doppietta di Rodriguez. Termina così ricca di gol e a tratti veramente piacevole.

New York Red Bulls vs San Jose Earthquakes 4-1: Dopo la sosta forzata del turno precedente, i newyorkesi trovano la prima vittoria su San Jose partito veramente male in questa stagione. 

Sono proprio gli ospiti a passare in vantaggio dopo appena cinque minuti: Magnus Eriksson trova un sentiero per Cristian Espinoza che la mette dentro. San Jose tiene il campo ma non riesce a raddoppiare. Sul finire del primo tempo Florian Valot spreca l’occasione per il pareggio tirando su Daniel Vega. Secondi quarantacinque minuti dominati da New York. Al 50′ e al 71′ arrivano le reti di Alex Muyl che portano i “Tori Rossi” in vantaggio.  A cinque dalla fine arriva il tris: sul cross di Sean Davis, Bradley Wright- Phillips sbuca dietro Guram Kashia e batte sul primo palo Vega. Fine dei giochi che viene sancita da Daniel Royer (89′).

Orlando City SC vs Montreal Impact 1-3: Seconda vittoria per Montreal con Orlando che subisce la prima sconfitta stagionale dopo i due pareggi iniziali.

Nel giro di quindici minuti Montreal fa uno-due: è Okwonkwo Orij ad aprire le danze al 14′,seguito dal gol nel minuto successivo del sempre presente Nacho Piatti, rapido nell’approfittare del malaccorto retro passaggio di Shane O’Neill. Emozioni che si rifanno vive al 73′ quando Dominic Dwyer manca per una questione di secondi il pallone del pareggio, reclamando anche un rigore che però non arriva. Passano sette minuti ed ecco il terzo gol: Harry Novillo ruba il pallone a Sacha Kljestan, appoggia per Piatti che segna. Nel primo minuto di recupero, gol bandiera di Dwyeir.

D.C. United vs Real Salt Lake 5-0: Partita a senso unico quella andata in scena all’Audi Field. 
Prima frazione di gioco che si conclude sul 2 a 0 grazie a Wayne Rooney che prima trasforma il rigore al 34′ per poi concludere a rete con un cucchiaio l’assist di Leonardo Jara. A fine primo tempo Jefferson Savarino viene espulso per aver colpito in viso , nel tentativo di intercettare un pallone, il fantasista di casa Luciano Acosta. Terzo gol che porta ancora la firma dell’ex United (64′). Due minuti dopo la corsa in porta di Lucas Rodriguez viene fermata da Marcelo Silva. Seconda espulsione per Salt Lake. Al 75′ ecco calato il poker: Rooney da calcio d’angolo mette un pallone teso fuori area, perfetto per la mezza rovesciata di Rodriguez che di sinistro al volo  trova una rete spettacolare. Ultima rete di Ulises Segura quattro minuti dopo. 

Los Angeles Galaxy vs Minnesota FC 3-2: Prima sconfitta per Minnesota che si arrende a dei Galaxy superiori.

Los Angeles che prima si porta in vantaggio al 36′ con Jonathan Dos Santos su rigore e poi raddoppia pochi minuti dopo con Chris Pontius. Al 75′ un errore di David Bingham permette a Ján Greguš di accorciare le distanze che vengono nuovamente allungate a nove dalla fine da Sebastian Lletget. Verso la fine Angelo Rodriguez segna il secondo gol per il definito 3-2. 

New York City vs Los Angeles FC 2-2: New York sa solo pareggiare mentre Los Angeles trova il suo primo pari con qualche rammarico. 

La prima occasione è targata California: Carlos Vela lascia partire un bel tiro da fuori area ma Sean Johnson devia sopra la traversa (28′). Passano dieci minuti e alla prima discesa NYC trova la rete: Mitrita partito da centrocampo, rientra sul destro e trafigge Tyler Miller. Poco dopo ancora Mitrita colpisce la traversa su punizione da trequarti. Al 43′ LAFC trova il pareggio: Maxime Chanot serve maldestramente- con minimo tre compagni liberi vicino a lui- Latif Blessing che lancia immediatamente Vela, freddo nel concludere. Sullo scadere dei primi quarantacinque minuti, Maxi Moralez sciupa l’occasione del vantaggio che però arriva al 62′ con Alexander Ring. Un quarto d’ora  dopo e Ben Sweat, mancando la palla, colpisce Blessing. Il signor Villarea Armando decreta la massima punizione. Dagli undici metri  Vela non sbaglia e sigla la doppietta. A cinque secondi dalla fine del recupero, Chanot – ancora protagonista in negativo- cicca il pallone ma per sua fortuna Adama Diomandé spedisce incredibilmente fuori da pochi metri. 

FC Cincinnati vs Portland Timbers 3-0: Prima storica vittoria per la matricola Cincinnati che nell’esordio casalingo davanti a 32.250 entusiasti tifosi si impone con un netto risultato su Portland alla ricerca dei primi tre punti.

Prima rete che arriva al quarto d’ora quando la punizione da tre quarti di Leonardo Bertone viene deviata di testa da Kendall Waston che fa esplodere di gioia il Nippert Stadium. Cincinnati prova altri due affondi non andati a buon fine. Prende cosi terreno Portland arrivando anche ad essere pericolosa al 31′ ma Spencer Richey para a terra. Cincinnati torna a galla nella ripresa e al 61′ e due minuti più tardi chiude la partita con le reti di Allan Cruz prima e Mathieu Deplagne poi. Sino al triplice fischio è dominio della franchigia di casa che non riesce a trovare il poker. Partita ampiamente meritata da Cincinnati che ha anche dimostrato di avere tifosi veramente appassionati.

Atlanta United vs Philadelphia Union 1-1: Primo tempo che tra le azioni degne di nota ha solamente la traversa di Atlanta al 37′ con Josef Martinez e la possibilità di vantaggio ospite di Fafà Picault fermata da Miles Robinson con Brad Guzan battuto (42′). La ripresa inizia subito con il gol di Philadelphia firmato da Brenden Aaronoson. Al 63′ Martinez stoppa e dopo un palleggio prova la rovesciata, bloccata però da Andre Blake. Sei minuti ancora Martinez prova la conclusione trovando finalmente la rete del pareggio con un colpo di testa. A tre dalla fine Picault manca il possibile gol vittoria.       

Toronto FC vs New England Revolution 3-2: Dopo la sosta della scorsa giornata, Toronto trova la seconda vittoria. New England invece rimane bloccata al penultimo posto.

Sono proprio gli ospiti ad aprire le marcature con Carles Gil su rigore (9′).  Pronta la risposta canadese con la perfetta iniziativa personale di Ayo Akinola al 14′. Subito dopo New England ha l’occasione per ripassare in vantaggio con Teal Bunbury che mette giù bene e calcia di prima ma centra la traversa. A fine primo tempo è Toronto a passare in vantaggio con una bizzarra azione: Jay Chapman appoggia per Justin Morrow e si sovrappone, ma quest’ultimo viene messo giù dall’intervento di Brandon Bye che costringe Antonio Milinar a chiudere in scivolata il quale serve involontariamente Akinola, svelto nel servire Chapman arrivato a sinistra che mette al centro per Jordan Hamilton. Risultato ribaltato. Ad inizio ripresa parziale ancora ribaltato da Gil con la complicità di Drew Moor. Ci pensa Jozy Altidore a mettere la parola fine al 75′.

Colorado Rapids vs Sporting Kansas City 1-1: Primo tempo che non regala emozioni se non la punizione al 21′ di Felipe Gutierrez ed il pallonetto poco dopo dello stesso numero 21 di Kansas su uno sconsiderato passaggio di Tim Howard salvato solamente dalla traversa. Kansas gioca ma è Colorado a passare in vantaggio ad inizio ripresa. Timothy Melia controlla malamente il passaggio di Matt Besler e viene punito dalla prontezza di Diego Rubio (54′). Una ventina di minuti dopo sarà Kansas a ringraziare la traversa sulla punizione di Kellyn Acosta. Nei minuti finali SKC trova il pareggio con Johnny Russell che trasforma in rete una punizione da fuori area . Risultato sostanzialmente giusto.

 

Top 11 

(4-3-3): Stefan Frei ( Seattle Sounders); Romain Metanire ( Minnesota United FC), Gaston Sauro ( Columbus Crew), Justin Morrow ( Toronto FC), Brad Smith ( Seattle Sounders); Junior Moreno ( D.C. United), Alex Muyl ( New York Red Bulls), Alberth Elis ( Houston Dynamo); Carlos Vela ( Los Angeles FC), Carles Gil ( New England Revolution), Wayne Rooney (D.C. United).

MVP: Wayne Rooney (D.C. United)

Allenatore: Alan Koch ( Cincinnati)