Milan, Fassone: “Dico tutto su TAS, calciomercato, Bonucci, Yonghong Li, Commisso e Elliott”

Marco Fassone ha risposto alle domande dei tifosi rossoneri a Milan Tv, provando a fare chiarezza su questioni delicatissime come la sentenza della Uefa, il ricorso al TAS, la questione societaria ed il calciomercato

Dopo l’udienza del 19 giugno a Nyon non aveva parlato pubblicamente ma ieri, Marco Fassone, lo ha fatto in grande stile. 
L’amministratore delegato del Milan ha risposto a tutte le domande dei tifosi rossoneri a Milan Tv, parlando di temi delicatissimi e provando a fare chiarezza sulle questioni che stanno attanagliando il club. 

Fassone ha spiegato come il club sia sano e come anche l’ultimo aumento di capitale da 32 milioni di euro sia giunto nelle casse del club, permettendo così di pagare gli stipendi e i fornitori e di fare mercato
Non è importante chi abbia messo questo denaro, ma la cosa che conta è che il club lo ha ricevuto. 

fassone

Rimane comunque il fatto che, come ammesso dallo stesso Fassone, qualora Mister Li non rimborsi il fondo Elliott entro venerdì, quest’ultimo prenderà tutte le quote del Milan, che in ogni eventualità rimarrà forte e solido, non rischiando praticamente nulla. 
L’unica questione da risolvere è quella del proprietario, che comunque non influisce sul funzionamento del club. 

L’amministratore delegato ha confermato che al TAS si proverà a far valere le proprie ragioni fino all’ultimo istante disponibile, mentre per quanto riguarda il mercato ha confermato gli innesti di Reina, Strinic e Halilovic, annunciando anche altri tre colpi di qualità e sostanza, che potranno essere effettuati solamente in seguito ad alcune cessioni, che non riguarderanno però i big, con Romagnoli che ha già rinnovato, Cutrone che è in procinto di farlo e con Bonucci che non ha nessuna intenzione di lasciare il Milan, così come il club non ha nessuna intenzione di negoziare per la sua cessione. 

Alla domanda su come si evolverà la trattativa tra Commisso e Yonghong Li, però, Fassone non ha una risposta: ” Noi non siamo indovini, non sappiamo se nella testa di Mr. Li ci sarà di vendere un pezzo del club o di tenere il club per il futuro. Quello che è importante, però, è che il Milan sia solido.
[…] Li ha sempre messo a disposizione del club le risorse economiche necessarie a sostenerlo e lo stesso farebbe il fondo Elliott. Se mai dovesse arrivare un nuovo azionista, immagino che lo faccia con quella passione che da sola giustifica un investimento in un club come il nostro”.