Manchester City: Guardiola resta anche con l’esclusione dall’Europa, penalizzazioni e revoche

Nelle ultime ore Pep Guardiola avrebbe confidato ai propri giocatori di non avere nessuna intenzione di lasciare il club nonostante l’esclusione dall’Europa per le prossime 2 stagioni.

Dopo la sentenza dell’Uefa, che punisce il club inglese per le violazioni delle regole del Fair Play con l’esclusione dalle coppe europee per le stagioni 2020/2021 e 2021/2022, sono circolate subito le voci di un possibile addio del tecnico spagnolo.

Voci però subito smentite dallo stesso allenatore, che avrebbe rassicurato l’ambiente con la promessa di rispettare il suo impegno con il club. Insieme a lui anche altri top player hanno giurato fedeltà ai Citizens, uno su tutti Raheem Sterling, dichiarando che questo è il momento di restare uniti e di dimostrare che il talento vale più dei soldi.

Pep Guardiola ha un contratto fino a giugno del 2021 e storicamente li ha sempre onorati, con grande professionalità e devozione. Per lui la prossima stagione sarebbe la prima senza Champions, non considerando quell 2007/2008 quando sedeva sulla panchina del Barcellona B.

Il Manchester City, che ha annunciato di voler fare ricorso al Tas di Losanna, rimane comunque fiducioso del fatto che la squalifica possa perdere peso o addirittura rendersi nulla.