Lazio-Salisburgo 4-2, voti e pagelle: super Leiva, cuore Anderson, Milinkovic in ombra

Serata fantastica quella della Lazio, che affossa 4-2 il Salisburgo e rilancia le proprie ambizioni in campo europeo, unica squadra superstite in questa debacle tutta italo-spagnola (1-7 il risultato complessivo fra Juventus-Real Madrid e Barcellona-Roma). Protagonista indiscusso Leiva, Lulic e Parolo sugli scudi, non benissimo Milinkovic. Ecco le pagelle.

STRAKOSHA: Spettatore non pagante, viene trafitto da un rigore di Berisha e da un gol (troppo facile) di Minamino. Ad ogni modo, trasmette sempre sicurezza. Voto 6.5

LUIZ FELIPE: Attento e preciso, compie interventi sempre puliti. Giocare con De Vrij aiuta. Voto 6,5

RADU: Croce e delizia, quasi sempre in anticipo sugli attaccanti si permette il lusso di qualche svarione di troppo. Voto 6

DE VRIJ: Fenomeno. Dove c’è lui, c’è ordine e disciplina. Tecnicamente impeccabile, tatticamente perfetto. Se va all’Inter, con Skriniar formerà una coppia da paura. Voto 7

BASTA: La forma partita è quella che è, deve ancora maturare la condizione migliore. Ma non si tira mai indietro. Voto 6

PATRIC: Corsa, spregiudicatezza e tanta precisione. Gabarron merita di giocare di più. Va anche vicino al gol. Voto 6,5

PAROLO:  Un gol da antologia, il trecentesimo della Lazio in campo europeo. Solo applausi. Voto 7,5

LEIVA: Pallone recuperato, coast to coast, assist per Ciro. 4-2. Sipario. Super Leiva. Voto 7

MILINKOVIC: Troppo lezioso ieri Sergej, in una gara che andava giocata alla Leiva. Urge bagno di umiltà. Voto 5,5

LULIC: Sblocca la partita, corre a tutto campo, non molla mai. Il solito grande Senad. Voto 7

Fonte immagine: Facebook

LUIS ALBERTO: Serve l’assist per il gol di Parolo, non sbaglia un pallone. Che giocatore. Voto 7

FELIPE ANDERSON: Nel suo gol del 3-2 c’è tutta la rabbia di chi ha talento e sa come dimostrarlo. Cuore. Voto 7,5

IMMOBILE: 37esimo gol in stagione, ormai è una macchina che si ferma più. Super Ciro. Voto 7

All: S. Inzaghi: La sua Lazio è uno spettacolo e c’è solo da inchinarsi. Chapeau. Voto 8