Lazio-Juventus 0-1, voti e pagelle: magia di Dybala, bene anche Rugani, deludono Mandzukic e Immobile

Vittoria cruciale praticamente all’ultimo minuto per la Juventus impegnata all’Olimpico di Roma contro una Lazio organizzata che aveva già messo in difficoltà in due occasioni, quest’anno, la squadra bianconera.

Tre punti che pesano come un macigno nel serrato testa a testa per lo scudetto contro il Napoli uscito invece sconfitto dalla sfida casalinga contro la Roma.

(Lazio – Juventus, 27° giornata di Serie A)

A risolverla, dopo una partita a larghi tratti incolore da parte di entrambe le formazioni, è stata la Joya della Juventus, quel Paulo Dybala che tanto è mancato nel corso degli ultimi due mesi.

Quel Paulo Dybala che proprio nella sfida di andata, all’Allianz Stadium, fallì la chance dal dischetto, all’ultimo minuto, per evitare una pesante sconfitta, ma che all’epoca si fece imbabolare da Strakosha.

Oggi, quasi cinque mesi dopo, davanti allo stesso portiere ha realizzato un gol pesante e straordinario allo stesso tempo, dimostrando, ancora una volta, doti fuori dal comune.

Tre punti forse immeritati per la prestazione vista e offerta dalla Juventus, ma quando in rosa c’è un campione così, anche un solo isolato guizzo può davvero bastare.

MIGLIORI

Dybala 8: forse nel resto dei novanta e più minuti si è visto poco, sbattuto costantemente di fronte ad una difesa organizzata, solida e tenace malgrado l’estenuante sfida di Coppa Italia di mercoledì. Ma sono bastati pochi secondi alla Joya per accendersi e mettere prepotentemente la sua firma su questa insidiosa trasferta. Un gol che vale oro.

Rugani 7: dopo aver annullato Belotti nel derby contro il Torino, disinnesca anche la pericolosità del capocannoniere Immobile con una nuova solida, sicura e precisa prestazione. Grande e costante crescita per un erede di una delle migliori difese d’Europa.

Buffon e Barzagli 6,5: i senatori, nella partita importante, non deludono quasi mai. Il numero uno bianconero si fa trovare sempre pronto ogni volta che la Lazio prova, invano, a rendersi pericolosa. Barzagli, invece, ritrova il campo e porta con sé la sua proverbiale esperienza con una nuova prestazione impeccabile.

Lulic 6,5: il capitano, malgrado le scorie fisiche dei 120 minuti contro il Milan, è tra i più pericolosi mettendo spesso in difficoltà Asamoah con le sue percussioni. Quando esce, la Lazio subisce il gol partita, segno che la sua importanza è anche a livello mentale e motivazionale.

PEGGIORI

Parolo, Luiz Felipe e Immobile 5,5: il centrocampista macchia una prova da 6 non reggendo fino in fondo il duello in area con Dybala che porta al gol decisivo. Il difensore, invece, si fa scherzare troppo agevolmente con un preciso tunnel che dà il via all’unica grande azione bianconera. L’attaccante azzurro è un fantasma per larghi tratti della gara e quando prova qualcosa sbatte su Rugani.

Mandzukic, Asamoah e Lichtsteiner 5,5: la Juventus ha sofferto tanto sulle fasce con gli esterni mai capaci di rendersi realmente pericolosi in fase offensiva. Il guerriero croato ha stretto i denti malgrado un problema fisico che però è risultato piuttosto evidente limitandone la prestazione.