Juventus-Parma, Sarri: “Parma solido dietro. Bernardeschi via? Per me è una cosa che non esiste”

Le parole dell’allenatore della Juventus Maurizio Sarri alla vigilia della sfida contro il Parma. Il tecnico toscano non ha parlato solo del match di domani, ma anche di mercato e della lotta scudetto.

Domani alle 20:45 all’Allianz Stadium la Juventus ospiterà il Parma nel posticipo domenicale della ventesima giornata di Serie A.

 

Nella tarda mattinata nella sala stampa della Continassa, Maurizio Sarri ha presentato la sfida di domani contro i ducali. Una sfida, come sempre, da non sottovalutare considerando che fuori casa il Parma ha ottenuto buoni risultati contro le big, pareggiando anche a San Siro contro l’Inter.

Il tecnico della Juventus ha riconosciuto come in difesa la squadra allenata da D’Aversa sia ben organizzata. Per Sarri, il Parma è una squadra non solo ottima in difesa, ma ben costruita anche nelle altre zone del campo: “Non hanno grandissimi punti deboli, anche a livello difensivo sono abbastanza solidi. Stanno mettendo dentro giocatori molto fisici, Kucka, Kurtic danno fisicità e sostanza a centrocampo. Hanno attaccanti di ottimo livello come Inglese, Kulusevski e Gervinho anche se domani non so se sarà della partita, è una squadra che ha dei valori”.

L’osservato speciale sarà Dejan Kulusevski, prenotato dalla Juventus per Giugno per circa 35 milioni di euro più bonus dall’Atalanta, club dal quale è in prestito. Sarri, però, si augura di non vederlo all’opera domani, ma di vederlo bene tra sei mesi. Il tecnico bianconero ha poi chiuso ad un suo arrivo anticipato, come ribadito spesso anche da Paratici: “Lo devi chiedere al direttore ma da quello che ha detto penso di no”.

 

In ottica mercato negli ultimi giorni si sta parlando molto di uno scambio tra Rakitic Bernardeschi, con il Barcellona molto interessato a quest’ultimo. Tuttavia, Sarri ha negato che l’ex Fiorentina possa partire in questa sessione di mercato: “A me nessuno ha detto nulla, per me è una cosa che non esiste”. Al tecnico bianconero è stato poi chiesto se le grandi manovre di mercato dell’Inter lo spaventino in chiave scudetto, considerata anche la stagione che stanno facendo i nerazzurri, ma Sarri ha ammesso di non pensarci: “Non seguo il nostro mercato figuriamoci il loro. Così come siamo abbiamo la ferma convinzione di poter essere protagonisti. Dobbiamo pensare a noi e rendere al 100% del nostro potenziale, cosa che finora non abbiamo fatto ma i segnali sono positivi”.

Per quanto riguarda la propria squadra, Sarri ha negato che Cristiano Ronaldo Dybala non possano giocare insieme poiché il portoghese tolga qualcosa all’argentino. Anzi, il tecnico toscano ha dichiarato come entrambi i giocatori stiano facendo benissimo qualsiasi sia il loro compagno di reparto: “Lo ritengo un falso mito che loro due non possano giocare insieme. Lo stesso Ronaldo mi sembra che ultimamente abbia segnato a raffica in qualsiasi soluzione e con qualsiasi compagno di reparto, in due o in tre. Non mi sembra sia vera questa considerazione”.

Domani potrebbe ancora partire dalla panchina Douglas Costas che, al momento, non regge ancora partite ravvicinate. Ad affermarlo è stato lo stesso Sarri che ha aggiunto come anche negli allenamenti al brasiliano sia mancata continuità. Il tecnico bianconero ha poi lodato la crescita di Rabiot che si sta guadagnando sempre più spazio nella sua Juventus, migliorando sotto il piano tecnico e tattico. Su Emre Can, invece, Sarri è stato molto più vago, facendo intuire come il giocatore sia dietro nelle sue scelte: “Non ho preclusioni, io guardo le settimane, le caratteristiche dei giocatori e il tipo di calcio che voglio fare e poi scelgo. Il rilancio può essere possibile sempre e comunque”

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Aspirante giornalista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese
Tutti i post di Danilo Servadei