Juventus, De Ligt si opera: out 2 mesi, torna ad ottobre

Matthijs De Ligt ha deciso di operarsi per risolvere il problema alla spalla destra con il quale ha convissuto nelle ultime settimane di campionato. L’olandese sarà disponibile solamente ad Ottobre.

Terminata la stagione con un epilogo amaro con la maglia della Juventus, per Matthijs De Ligt è tempo di risolvere i suoi problemi fisici. L’olandese ha annunciato al termine della partita contro il Lione di volersi operare alla spalla destra.

Il centrale della Juventus ha tenuto duro nelle ultime settimane di campionato, ma ora a bocce ferme ha preso questa decisione che lo terrà lontano dai campi di giochi per un po’. De Ligt si perderà i primi giorni della nuova era firmata Andrea Pirlo e sarà a disposizione solo ad Ottobre.

Come evidenziato da Tuttosport, infatti, a De Ligt serviranno almeno 2-3 mesi prima di tornare al servizio della Juventus e del neo allenatore. Il difensore olandese si sottoporrà ad intervento chirurgico nei prossimi giorni, con il giocatore che dovrebbe rientrare in tempo per la prima sfida di Champions League prevista per il 20 ed il 21 Ottobre.

I problemi alla spalla destra per De Ligt sono cominciati a Novembre 2019 e da allora il centrale bianconero non è riuscito a rendere al meglio. Nelle ultime partite di campionato, il dolore si è acuito, complici altre dure botte ricevute nello stesso punto e De Ligt ha deciso di operarsi.

Con De Ligt out per le prime partite e con Rugani ormai in partenza  è lecito aspettarsi qualche operazione di mercato da parte della Juventus per rinforzare la difesa.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Aspirante giornalista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese
Tutti i post di Danilo Servadei