Italia, i 16 convocati sicuri per l’Europeo e tutti i ballottaggi

Italia, Europeo Francia 2016: ecco chi potrebbero essere i 16 convocati ed i ballottaggi in ogni reparto

nazionale-italia-europeo-francia-convocati-sedici-ballottaggi-conte

Dopo il bis di amichevoli, conclusosi con un pareggio contro la Spagna e la pesante sconfitta con la Germania, è venuto senz’altro momento di parlare dei fatidici 23 che prenderanno parte alla spedizione azzurra agli Europei in programma il prossimo giugno in Francia.

Ha fatto scalpore una dichiarazione del CT Antonio Conte in conferenza stampa riguardo agli uomini da convocare:

Ne ho in mente 16 sicuri, per gli altri vedremo.

Proviamo, dunque, ad azzardare quali potrebbero essere questi fatidici sedici uomini e quali potrebbero essere gli altri che si aggregheranno per completare la rosa, con tuttti i possibili ballottaggi. Analizziamo, dunque, la situazione dell’Italia reparto per reparto.

Portieri: Sicuro del posto numero uno, ovviamente, è Gianluigi Buffon, record-man in campionato con oltre 970 minuti di imbattibilità ed autore di una stagione superlativa sia tra i pali della Juventus sia in Nazionale. Dietro di lui, praticamente certo del posto, ci sarà Mattia Perin del Genoa, giovane ma allo stesso tempo pronto per fare da secondo al nostro numero uno. Le sue prestazioni nel Grifone gli sono valsi una lunga serie di convocazioni ed il posto nel ritiro di Montpellier è assicurato. Per quanto riguarda il ruolo di terzo portiere è aperta una vera e propria bagarre: Padelli, infatti, non convince e Sirigu al PSG continua a non giocare. A sorpresa, forse, potrebbe esserci una chance per il baby-Donnarumma.

Difensori: Il blocco-Juve fa da padrone questo reparto. Se, infatti, Barzagli, Bonucci e Chiellini staranno bene fisicamente avranno il posto assicurato non solo al’interno del gruppo ma anche nell’11 titolare, o quantomeno gli ultimi due. Già, perchè Matteo Darmian sta facendo faville al Manchester United: Van Gaal, infatti, l’ha voluto fortemente e l’ex Torino sta ripagando la fiduca dell’ex tecnico con delle ottime prestazioni in Premier League. Inoltre, anche in caso di difesa a 4, sarebbe utilizzabile sia come centrale sia come terzino. A proposito di questo ruolo, Conte difficilmente si priverà di De Silvestri, elemento per il quale stravede e che nella Samp, a dispetto dell’annata non eccezionale della squadra, sta comunque fornendo prestazioni importanti. Astori, inoltre, dovrebbe completare il reparto. Cercheranno di giocarsi le proprie chance i vari Rugani, De Sciglio, Antonelli ed Acerbi per i quali, fatto salvo forse quest’ultimo, le speranze sono davvero poche.

Centrocampisti: Se Marco Verratti si riprenderà dalla pubalgia che non gli sta permettendo di giocare al PSG sarà lui il regista titolare di questa Nazionale; in questo modo Marchisio tornerebbe nel suo ruolo naturale, quello di incontrista puro, ma non è da escludere un suo utilizzo in cabina di regia come già accaduto quest’anno nel suo club. Pirlo, così come De Rossi, sembrano ormai fuori dai piani del tecnico. A fianco dei primi due, dunque, ruoteranno tutti gli altri: Florenzi è ormai una garanzia in qualsiasi ruolo lo si metta, Parolo è al momento più di una semplice alternativa al pari dell’altro laziale Candreva che garantisce esperienza e tanta qualità. L’ultimo in mediana sicuro del posto sarà Giaccherini, altro pupillo di Conte che lo vorrebbe addirittura portare al Chelsea nella sua prossima avventura. In dubbio Thiago Motta.

Attaccanti: E’ il reparto con più dubbi e con meno certezze. Sicuri del posto, al momento, sono soltanto in due: il primo è Lorenzo Insigne del Napoli: esploso definitivamente nella scorsa stagione, quest’anno il classe ’92 è maturato moltissimo ed è riuscito, alla corte di Sarri, a crescere dal punto di vista della personalità in campo. Una sua chiamata appare oggi scontata. Al suo fianco ci sarà senz’altro Graziano Pellè, che al Southampton continua a segnare con una certa regolarità (12 gol al momento) e che appare maturo per poter affiancare il partenopeo là davanti. Atorno a questi due ruotano tutti gli altri desiderosi di giocarsi le proprie chance: Immobile è troppo altalenante, anche se nelle ultime giornate prima dell’infortunio sembra aver trovato la luce in fondo al tunnel, Bernardeschi è talentuoso ma troppo inesperto, Eder è in fase calante, Zaza non sta trovando molto spazio alla Juventus e Berardi, infine, non sembra rispecchiare a pieno il prototipo di attaccante che Conte vorrebbe. Al momento, forse, El Shaarawy sembra avere più chance di tutti questi, ma non è ancora sicuro del posto.

Ecco, dunque, l’elenco dei 16 sicuri:

Portieri: Buffon, Perin.

Difensori: Barzagli, Bonucci, Chiellini, Darmian, De Silvestri, Astori.

Centrocampisti: Verratti, Marchisio, Parolo, Florenzi, Candreva, Giaccherini

Attaccanti: Insigne, Pellè.

Ecco, invece, l’elenco dei giocatori in ballottaggio per un posto nel ritiro azzurro e che sperano in una chiamata di Antonio Conte. Tra tutti questi, con molta probabilità, ne verranno convocati 7:

Sirigu, Padelli, Donnarumma, Rugani, De Sciglio, Acerbi, Antonelli, Pirlo, De Rossi, Thiago Motta, Immobile, Bernardeschi, Eder, Berardi, El Shaarawy, Zaza.