Inter-Juventus 2-1, finale Supercoppa, dichiarazioni post-partita Inzaghi

Termina 2-1 per l’Inter la finale di Supercoppa contro la Juventus. Per i nerazzurri decisive le reti di Lautaro Martinez dal dischetto e Sanchez al 120’. Alla Juventus non è bastato il momentaneo vantaggio firmato Mckennie. 

Serata al cardiopalma: “Ho letto i numeri, la vittoria penso sia stra-meritata, però giocare contro la Juventus non è mai facile. Abbiamo sofferto molto la loro tenacia difensiva”. 

Avversari di livello: “I bianconeri hanno dimostrato di nuovo che batterli non è mai semplici. In Supercoppa con loro avevo però precedenti fortunati che mi ha fatto piacere riconfermare”. 

Simone Inzaghi, 45 anni, allenatore dell’Inter. Fonte foto: Facebook, profilo ufficiale Inter

Sanchez: “Alexis è per noi un giocatore fondamentale, ma volta per volta devo fare delle scelte. Ho 4 attaccanti e tutti di livello. Settimana scorsa Gagliardini è stato dei migliori, ed è oggi è partito dalla panchina”.

Zhang: “Il presidente ha riunito la squadra, era molt felice si è complimentato con tutti. I ragazzi hanno colto la palla al balzo per chiedere un premio e verranno sicuramente accontentati”. 

Importanza del trofeo: “La Supercoppa mancava all’Inter da più di 10 anni, così come la qualificazione agli ottavi è una cosa che a questa società non può e non deve mai mancare, felice di averla riportata a casa, davanti ad un pubblico così”. 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Orazio Redi

Informazioni sull'autore
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze della comunicazione. Amante, sin da piccolo, di calcio e analisi dei linguaggi giornalistici. La citazione, che definisce perfettamente la mia ambizione, è questa qui di Steve Jobs: "L'unico modo per poter fare un ottimo lavoro sta nell'amare ciò che si fa. Il segreto è non accontentarsi mai e inseguire fino alla fine i propri sogni".
Tutti i post di Orazio Redi