F1 GP Russia 2017, con un occhio alla Mercedes, in Ferrari sono convinti di poter far bene anche a Sochi

La Scuderia Ferrari è tornata a parlare nel giovedì del Gran Premio di Russia 2017. Il weekend di Sochi, dopo gli splendidi risultati di quest’avvio di campionato, può fungere da ulteriore trampolino per il Cavallino, finora sorprendentemente capace di battagliare alla pari della Mercedes, preceduta sia nel Costruttori che in quello Piloti, dove Vettel precede di 7 lunghezze Hamilton.

SEBASTIAN VETTEL – “Non sto ancora pensando al rinnovo, ma sono concentrato sul campionato. Abbiamo cominciato benissimo e avremmo potuto vincerle tutte e tre. Siamo felici di dove siamo in questo momento, soprattutto guardando al passo gara. Abbiamo ottenuto due vittorie ed è stato fantastico, ma dobbiamo essere concentrati step by step. Ora inizierà una fase cruciale con lo sviluppo delle monoposto, e il mio obiettivo, così come quello di tutto il team, è di rimanere dove siamo“.

Sebastian Vettel, durante le interviste di rito del giovedì, stavolta a Sochi (foto da: facebook.com/ScuderiaFerrari)

Kimi non ha ottenuto quello che meritava in quest’avvio, e non penso che si possa discutere come pilota” – continua Seb riguardo al compagno di box – “Non vedo altri in grado di poter andare nel WRC e fare quello che ha fatto, per poi tornare indietro e confermarsi al suo livello in Formula 1. E non credo che ci sia qualcuno che dubiti delle sue capacità o del suo talento, ma è necessario mettere tutto insieme. Gli ordini di scuderia? A volte io e Kimi ci siamo ritrovati a stretto contatto, in alcune anche troppo. Cerchiamo di confrontarci con il compagno di squadra come con tutti gli altri avversari, ma nel nostro caso sia io che Kimi sappiamo che stiamo correndo per la Ferrari. Poi non credo che sia il caso di pensare oggi a possibilità molto lontane“.

Qui a Sochi non sarà facile per noi. Penso che la Mercedes, che qui ha sempre vinto, sarà molto competitiva” – sottolinea il tedesco, spostando lo sguardo sulla gara di domenica – “Ma anche noi ci faremo trovare pronti. Già lo scorso anno c’erano dei punti in cui eravamo a posto ed altri dove eravamo in difficoltà. Aspettiamo domani e capiremo a che punto siamo. Le condizioni meteo dovrebbero confermarsi stabili, ma non sappiamo ancora quanti giri saranno necessari per scaldare le gomme“.

KIMI RAIKKONEN – “Sono stato più felice in Bahrain di quanto non lo sia stato nella prima gara. L’ultimo GP è stato abbastanza buono, nonostante qualifiche così così” – esordisce il finnico in conferenza stampa – “Ho fatto una partenza e un primo giro piuttosto brutto ed ho faticato a superare chi mi stava davanti. Quando poi sono riuscito a fare i sorpassi la velocità era buona, ma c’è stata la Safety Car che ci ha complicato le cose. Il feeling generale comunque è stato abbastanza buono, quindi dobbiamo cercare di fare meglio al sabato per poi sfruttare la nostra velocità in gara“.

Kimi Raikkonen è chiamato al riscatto in Russia (foto da: ussportnews.com)

Anche Kimi si esprime sulla possibilità di ordini di scuderia anche in Ferrari: “Ne abbiamo parlato all’inizio dell’anno e sappiamo esattamente quello che dobbiamo fare tra di noi; ma per il momento non è cambiato nulla. Se però dovessimo arrivare verso la fine dell’anno e uno dei due non avesse più chance, è ovvio che proverebbe a dare una mano all’altro“.

Sulle parole di Marchionne post Cina, questa è l’opinione del Campione 2007: “Per quello che mi ha detto il nostro presidente, va tutto bene. Ho letto molte storie senza senso nei giornali e sul web. Mi fido molto di più della mia relazione con lui e con il mio team. Come ho detto prima, anche io mi aspetto da me stesso dei buoni risultati” – ha affermato netto Raikkonen – “Per quanto riguarda il mio futuro, non so ancora niente. Ora mi interessa di più fare bene, poi vedremo cosa succederà dopo quest’anno. Non è il mio primo pensiero, quello è fare bene nella prossima gara“.

Sul confronto con la Mercedes: “Penso che la squadra abbia fatto un grande lavoro a darci questa vettura e noi dobbiamo tirarne fuori il massimo. Ma siamo allo stesso livello della Mercedes? Non lo so, non siamo lontani. In qualifica loro sembrano più forte, ma in gara siamo lì. Loro hanno ancora qualcosa in più sul giro secco, ma credo che dipenda un po’ anche dai circuiti“.

 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo