F1 GP Germania 2019, le dichiarazioni di Vettel e Leclerc dopo le qualifiche

Una vera Caporetto a livello di affidabilità. Così può definirsi il sabato pomeriggio di Hockenheim per la Ferrari che, da potenzialmente trionfale, si tramuta in una delle peggiori figure degli ultimi anni. Sebastian Vettel, già pesantemente condizionato nelle qualifiche di Le Castellet e del Red Bull Ring, addirittura non riesce a mettere insieme nemmeno un tentativo veloce in Q1, dovendo arrendersi subito causa problema all’intercooler; e domani scatterà dal fondo. Charles Leclerc, arrivato in Q3 con i crismi del favorito per la pole, deve invece scendere dalla monoposto per un problema al sistema della benzina, che lo costringerà domani ad una rimonta dalla 10° posizione in griglia.

Nella sua gara di casa, davanti ai propri tifosi, Sebastian Vettel non è riuscito a fare nemmeno un giro veloce in Q1, e domani a Hockenheim partirà ultimo per problemi al propulsore (foto da: twitter.com)

Così Sebastian Vettel, apparso davvero sfiduciato davanti alle telecamere: “Non vedevo l’ora di scendere in pista e divertirmi in queste qualifiche, dato che la monoposto era davvero competitiva. Ancor di più, quindi, quello che è successo è stato un vero peccato. Già ieri avevo un bel feeling al volante, e oggi la situazione era ancora migliore; potevamo lottare per la pole, e invece mi ritrovo a partire ultimo“.

Chiaramente è una grande delusione, nella mia gara di casa e davanti ad un pubblico così numeroso. Non sarebbe potuto succedere in un momento peggiore” – continua il tedesco – “Per quel che riguarda il problema avuto, non ho avuto preavvisi; quando sono uscito dai box mi sono accorto di non avere potenza. Ora non vedo l’ora che arrivi domani. Farò del mio meglio per recuperare, sperando almeno di andare a punti“.

Charles Leclerc scende dalla sua Ferrari #16, durante le Q3 di oggi in Germania. Il monegasco dovrà partire 10° domani (foto da: twitter.com)

Queste le parole di Charles Leclerc: “C’è tanto rammarico nel finire così le qualifiche. Questo weekend stava andando tutto bene, e la macchina era davvero competitiva. Ma queste cose, a volte, capitano e basta. E’ dura per il team perdere una delle due monoposto, figuriamoci entrambe. Domani, però, inizierò con animo positivo e combatterò per recuperare il più possibile, soprattutto nelle prime fasi. Ho fiducia nel nostro ritmo e, finché non arriva la bandiera scacchi, nulla è deciso“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo