F1 Belgio 2017 – Anteprima ed Orari Diretta TV

Fine delle vacanze estive anche per la Formula 1. Il Circus torna in grande stile, con un uno-due che trasuda storia sotto ogni punto di vista, a concludere il ciclo delle gare europee, prima del lunghissimo rush finale tra Asia e Americhe. Si comincia questo weekend con quella che, insieme a Monaco, è probabilmente la gara più attesa di tutta la stagione, ovvero il Gran Premio del Belgio, che giunge alla 62.esima edizione valevole per il Mondiale, la 73.esima in totale. L’Università della Formula 1, al secolo Spa-Francorchamps, vedrà riprendere le ostilità tra Ferrari e Mercedes, il dualismo che sta rendendo estremamente avvincente questo 2017. Sebastian Vettel sbarca nelle Ardenne come leader del campionato, +14 su Lewis Hamilton e +33 su Valtteri Bottas e, con l’aiuto di ‘Mr. Spa‘ Kimi Raikkonen, avrà il difficile compito di contrastare le Frecce d’Argento su un circuito che, almeno sulla carta, dovrebbe pendere di più dalla parte del team anglo-tedesco.

F1 GP BELGIO 2017: IL PRONOSTICO

La grande sfida tra Sebastian Vettel e il team Mercedes riparte da Spa-Francorchamps. Un appuntamento fondamentale sotto vari punti di vista, in primis per tastare il polso ai top team sotto la voce ‘sviluppi’, elemento cruciale nella fase discendente del campionato. Ma facciamo un passo indietro e diamo uno sguardo a come i principali protagonisti sono arrivati alla pausa estiva. Dopo la roboante doppieta nel Principato, la Ferrari sembrava aver imboccato una fase delicata, culminata nell’unica gara che, finora, ha visto la Rossa in vera difficoltà, ovvero Silverstone. In quell’occasione Hamilton, al volante di una W08 Hybrid pressochè imbattibile (vedasi anche la comoda rimonta di Bottas, poi 2°), sfruttando anche i guai con le Pirelli degli avversari si era portato ad un solo punto da Vettel. Un weekend che sembrava decretare, a detta di molti, l’avvio della ‘restaurazione’, con la Mercedes pronta a tornare nelle posizioni occupate fino alla fine della passata stagione.

Sebastian Vettel alza al cielo il trofeo del vincitore in quel di Budapest (foto da: f1fanatic.co.uk)

E invece, in quel di Budapest, è arrivata forte e chiara la replica della Scuderia, con una magnifica doppietta che resterà impressa a lungo nelle menti dei tifosi sia per i guai allo sterzo che hanno attanagliato Sebastian per oltre due terzi di gara, sia per il fantastico lavoro di squadra di Kimi Raikkonen, con il quale ha praticamente messo in cassaforte il rinnovo. La Mercedes, dal canto suo, non solo si è confermata in grossa difficoltà (almeno rispetto alla Ferrari) in circuiti tortuosi e lenti come l’Hungaroring, ma ha ancora una volta dovuto fare i conti con una cervellotica gestione dei due piloti, con Hamilton a restituire la posizione a Bottas giusto prima della linea d’arrivo, regalando tre punti a Vettel. Proprio tutto ciò è stato uno degli elementi di discussione più in voga sotto l’ombrellone, con lo stesso Wolff a sottolineare che una simile strategia, alla lunga, potrebbe risultare perdente nei confronti dell’avversario, che invece punta secco sul solo Vettel.

Valtteri Bottas e Lewis Hamilton a Budapest. Come si orienterà la Mercedes nella gestione dei suoi due piloti? (foto da: salzburg.com)

La classifica d’altronde parla chiaro. Bottas ha 19 punti in meno di Hamilton (169 a 188), 33 meno di Vettel (202), e ha sul groppone lo zero di Barcellona, altrimenti sarebbe stato ancora più vicino. Il finnico, giustamente, si dice convinto dei suoi mezzi e di potersela giocare fino in fondo; Hamilton, invece, si aspetta di veder riconosciuto dal team il suo status. Alla finestra ci sono Vettel e la Ferrari, consapevoli che il prolungamento di questa situazione ambigua in quel di Brackley non potrà far altro che avvantaggiarli. Ma torniamo a Spa. Come tipologia di circuito (favorendo principalmente l’efficienza aerodinamica, oltre che la potenza della PU), la pista belga dovrebbe risultare più favorevole alla Mercedes, mentre la Ferrari sarà chiamata a dimostrare di aver fatto per bene i compiti per le vacanze, in modo da giocarsela alla pari (o quasi) fino ad Abu Dhabi. I test dell’Hungaroring hanno lasciato ottime sensazioni a Vettel, con la Scuderia che ha lavorato molto in prospettiva, testando un nuovo fondo e un nuovo diffusore proprio per circuiti come Spa e Monza e, stando ad indiscrezioni degli ultimi giorni, anche una versione evoluta della sospensione anteriore. Un complesso che dovrebbe consentire alla SF70-H di tornare quella delle prime gare quando, grazie alla flessione della parte esterna del fondo (‘a scimitarra‘) riusciva a creare tanto carico aerodinamico pur non penalizzando le velocità di punta.

Quattro volte vincitore a Spa, Kimi Raikkonen sarà alleato fondamentale di Vettel come in Ungheria (foto da: f1fanatic.co.uk)

Ovviamente la Mercedes non sarà stata a guardare, presentandosi a Spa comunque nelle vesti di favorita. Come a Budapest, ovviamente, fondamentale sarà l’apporto di Kimi Raikkonen, che in Belgio avrà una delle sue migliori chance, stante il gran rapporto tra Iceman e il mitico circuito. Tra chi spera di aver ridotto il gap in questa pausa c’è ovviamente la Red Bull, che ha voglia di cancellare lo scontro in famiglia dell’ultima gara. In particolare Max Verstappen sarà particolarmente motivato, essendo Spa per lui in pratica la gara di casa. Alle spalle dei big, ci sarà al solito da sgomitare per emergere. La Force India si presenta in prima linea, con Haas, Toro Rosso, Williams e Renault a seguire. Banco di prova importante per la McLaren, che vorrà dar seguito alla bella gara ungherese in un appuntamento che metterà a dura prova la finora debole power unit Honda. Poche speranze, a meno di colpi di scena, per i due della Sauber.

F1 GP BELGIO 2017: ORARI TV

Il Gran Premio del Belgio, 12.esima prova della stagione 2017 di Formula 1, sarà visibile in diretta esclusiva su Sky Sport F1 HD e in differita sulle reti Rai.

F1 GP BELGIO 2017 SKY (DIRETTA ESCLUSIVA)

Venerdì 25 Agosto 2017

Prove Libere 1: 10:00 – 11:30 (Sky Sport F1 HD)
Prove Libere 2: 14:00 – 15:30 (Sky Sport F1 HD)

Sabato 26 Agosto 2017

Prove Libere 3: 11:00 – 12:00 (Sky Sport F1 HD)
Qualifiche: 14:00 (Sky Sport F1 HD)

Domenica 27 Agosto 2017

Gara: 14:00 (Sky Sport F1 HD)

F1 GP BELGIO 2017 RAI (DIFFERITA)

Venerdì 25 Agosto 2017

Prove Libere 1: 14:30 (Rai Sport HD)
Prove Libere 2: 18:30 (Rai Sport HD)

Sabato 26 Agosto 2017

Prove Libere 3: 15:15 (Rai Sport HD)
Qualifiche: 19:15 (Rai 2)

Domenica 27 Agosto 2017

Gara: 21:00 (Rai 2)

F1 GP BELGIO 2017: PNEUMATICI E METEO

Queste le scelte dei piloti sulla suddivisione dei tredici treni di pneumatici a disposizione per il Gran Premio di Spa. Premettendo che i piloti avranno a disposizione Ultrasoft, Supersoft e Soft, dando uno sguardo all’elenco emerge come i due ferraristi abbiano optato per una scelta leggermente più aggressiva rispetto ai rivali della Mercedes. Ovvero 7 US, 3 SS e 3 S per Vettel e Raikkonen (così anche Wehrlein), contro 6 US, 3 SS e 4 S per Hamilton (stesso discorso per Magnussen) e 6 US 4 SS e 3 S per Bottas (idem per i Force India, Perez ed Ocon, e per Grosjean). La scelta più ‘estrema’, invece, è del duo Red Bull, Verstappen-Ricciardo, e di Vandoorne, con 9 US, 3 SS e 1 S; allo stesso modo Alonso avrà a disposizione 9 treni di US, ma con 2 SS e 2 S. Opzioni uguali per le coppie di Toro Rosso e Renault, con 8 US, 3 SS e 2 S. Infine la coppia della Williams, Massa-Stroll, avrà 7 US, 5 SS e 1 S, mentre Ericsson si districherà tra 7 US, 4 SS e 2 S.

Le mescole scelte dai piloti in vista del Gran Premio del Belgio (foto da: automobilsport.com)

Così Mario Isola, nel consueto punto della situazione prima del weekend: “Pirelli ha partecipato alla 24 ore di Spa-Francorchamps il mese scorso, incontrando  tutti gli aspetti che rendono famoso il circuito belga: dal meteo imprevedibile all’elevato livello di competizione che richiede il massimo ai pneumatici. Quest’anno portiamo per la prima volta la Purple ultrasoft e ci aspettiamo che su questa pista la nuova generazione di monoposto imporrà carichi ancora più elevati ai pneumatici. La strategia più probabile potrebbe essere a due soste, ma avremo dati più certi dopo le prime sessioni di prove libere. A Spa è particolarmente difficile elaborare una strategia ottimale: qui bisogna essere flessibili e aperti alla possibilità di pioggia, all’ingresso della safety car o addirittura alla bandiera rossa, come lo scorso anno. Ciò significa che i Team dovranno reagire spesso alle circostanze anziché seguire una strategia rigida“.

L’anteprima Pirelli del Gran Premio del Belgio 2017 (foto da: news.pirelli.com)

A Spa, per la prima volta, si potranno usare le mescole Ultrasoft. Un circuito, quello belga, che stressa tanto le coperture, non tanto dal livello di abrasività dell’asfalto, quanto dalla presenza di curve impegnative come Eau Rouge-Raidillon e Blanchimont, così come dai continui saliscendi e dalle compressioni, che sforzano gli pneumatici sotto tutti gli aspetti. Per quanto riguarda le power unit, Spa, pur richiedendo un carico aerodinamico medio, è molto esigente, con due tratti nei quali si è al massimo per oltre 40 secondi, culminanti con le due staccate più complicate, ovvero Les Combes e Bus Stop. Questo invece il quadro del meteo che troveremo sulle Ardenne il prossimo fine settimana. Venerdì è previsto cielo da coperto a parzialmente nuvoloso nel corso della giornata, con temperature tra i 18 ed i 22 C°. Attenzione alla giornata di sabato, poichè si parla di nubi sparse ma con possibilità discrete di rovesci, soprattutto nel pomeriggio, mentre le temperature saranno più o meno sui valori del venerdì. Per quel che riguarda la domenica della gara, almeno al momento non ci dovrebbero essere problemi, con nubi sparse e temperature sui 20 C°.

F1 GP BELGIO: ALBO D’ORO

Il Gran Premio del Belgio vanta 72 edizioni, delle quali le prime 11 rientrano nell’epoca pre Formula 1, con nomi del calibro di Antonio Ascari (1925), Louis Chiron (1930), Tazio Nuvolari (1933) e Rudolf Caracciola (1935) tra i vincitori, mentre come Costruttori spiccano i nomi di Alfa Romeo, Maserati, Bugatti (3 vittorie in questo periodo), Mercedes-Benz ed Auto Union. Per quel che riguarda le 61 edizioni titolate, 49 volte si è corso a Spa, 10 a Zolder e 2 a Nivelles. Il pilota più vincente, sul circuito che lo vide esordire nel 1991, è il Kaiser, Michael Schumacher, con 6 vittorie (tra cui la prima in carriera, nel 1992), 1 pole position (in questo caso i migliori, con 4 a testa, sono Fangio, Prost (una a Zolder, nel 1982) e Senna), 4 giri record e 9 podi totali. Come Costruttori comanda la Ferrari, con 16 vittorie, 13 pole, 17 giri record e 45 podi totali.

Michael Schumacher infila Jean Alesi alla Source nelle prime fasi della vittoriosa edizione 1997. Con 6 trionfi all’attivo, il tedesco è il pilota più vincente sia a Spa che, in generale, nel Gran Premio del Belgio (foto da: twitter.com)

(1950) – Spa-Francorchamps – Juan Manuel Fangio (ARG, Alfa Romeo)

(1951) – ” ” – Nino Farina (ITA, Alfa Romeo)

(1952) – ” ” – Alberto Ascari (ITA, Ferrari)

(1953) – ” ” – Alberto Ascari (ITA, Ferrari)

(1954) – ” ” – Juan Manuel Fangio (ARG, Maserati)

(1955) – ” ” – Juan Manuel Fangio (ARG, Mercedes-Benz)

(1956) – ” ” – Peter Collins (GBR, Ferrari)

(1958) – ” ” – Tony Brooks (GBR, Vanwall)

(1960) – ” ” – Jack Brabham (AUS, Cooper-Climax)

(1961) – ” ” – Phil Hill (USA, Ferrari)

(1962) – ” ” – Jim Clark (GBR, Lotus-Climax)

(1963) – ” ” – Jim Clark (GBR, Lotus-Climax)

(1964) – ” ” – Jim Clark (GBR, Lotus-Climax)

(1965) – ” ” – Jim Clark (GBR, Lotus-Climax)

(1966) – ” ” – John Surtees (GBR, Ferrari)

(1967) – ” ”  – Dan Gurney (USA, Eagle-Weslake)

(1968) – ” ” – Bruce McLaren (NZL, McLaren-Ford)

(1970) – ” ” – Pedro Rodriguez (MEX, BRM)

(1972) – Nivelles – Emerson Fittipaldi (BRA, Lotus-Ford)

(1973) – Zolder – Jackie Stewart (GBR, Tyrrell-Ford)

(1974) – Nivelles – Emerson Fittipaldi (BRA, McLaren-Ford)

(1975) – Zolder – Niki Lauda (AUT, Ferrari)

(1976) – ” ” – Niki Lauda (AUT, Ferrari)

(1977) – ” ” – Gunnar Nilsson (SWE, Lotus-Ford)

(1978) – ” ” – Mario Andretti (USA, Lotus-Ford)

(1979) – ” ” – Jody Scheckter (SAF, Ferrari)

(1980) – ” ” – Didier Pironi (FRA, Ligier-Ford)

(1981) – ” ” – Carlos Reutemann (ARG, Williams-Ford)

(1982) – ” ” – John Watson (GBR, McLaren-Ford)

(1983) – Spa-Francorchamps – Alain Prost (FRA, Renault)

(1984) – Zolder – Michele Alboreto (ITA, Ferrari)

(1985) – Spa-Francorchamps – Ayrton Senna (BRA, Lotus-Renault)

(1986) – ” ” – Nigel Mansell (GBR, Williams-Honda)

(1987) – ” ” – Alain Prost (FRA, McLaren-TAG Porsche)

(1988) – ” ” – Ayrton Senna (BRA, McLaren-Honda)

(1989) – ” ” – Ayrton Senna (BRA, McLaren-Honda)

(1990) – ” ” – Ayrton Senna (BRA, McLaren-Honda)

(1991) – ” ” – Ayrton Senna (BRA, McLaren-Honda)

(1992) – ” ” – Michael Schumacher (GER, Benetton-Ford)

(1993) – ” ” – Damon Hill (GBR, Williams-Renault)

(1994) – ” ” – Damon Hill (GBR, Williams-Renault)

(1995) –  ” ” – Michael Schumacher (GER, Benetton-Renault)

(1996) – ” ” – Michael Schumacher (GER, Ferrari)

(1997) – ” ” – Michael Schumacher (GER, Ferrari)

(1998) – ” ” – Damon Hill (GBR, Jordan-Mugen Honda)

(1999) – ” ” – David Coulthard (GBR, McLaren-Mercedes)

(2000) – ” ” – Mika Hakkinen (FIN, McLaren-Mercedes)

(2001) – ” ” – Michael Schumacher (GER, Ferrari)

(2002) – ” ” – Michael Schumacher (GER, Ferrari)

(2004) – ” ” – Kimi Raikkonen (FIN, McLaren-Mercedes)

(2005) – ” ” – Kimi Raikkonen (FIN, McLaren-Mercedes)

(2007) – ” ” – Kimi Raikkonen (FIN, Ferrari)

(2008) – ” ” – Felipe Massa (BRA, Ferrari)

(2009) – ” ” – Kimi Raikkonen (FIN, Ferrari)

(2010) – ” ” – Lewis Hamilton (GBR, McLaren-Mercedes)

(2011) – ” ” – Sebastian Vettel (GER, Red Bull-Renault)

(2012) – ” ” – Jenson Button (GBR, McLaren-Mercedes)

(2013) – ” ” – Sebastian Vettel (GER, Red Bull-Renault)

(2014) – ” ”  – Daniel Ricciardo (AUS, Red Bull-Renault)

(2015) – ” ” – Lewis Hamilton (GBR, Mercedes)

(2016) – ” ” – Nico Rosberg (GER, Mercedes)

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo