F1 anticipa la chiusura estiva ad ora

La F1 anticipa la pausa estiva a questi giorni. Quello che ci troviamo di fronte è un estremo e potremmo definire disperato tentativo di salvare la 70 edizione del Campionato Mondiale. Infatti, è appena uscito un comunicato ufficiale da parte della FIA che intima tutte le scuderie a chiudere i battenti. Sicuramente l’ente organzzativo, agendo così, ha la possibilità di aumentare il tempo necessario per ristabilire la salute del mondo e nello stesso tempo cerca di rendere omogenea la procedura per tutti i team.

FIA anticipa chiusura estiva. Fonte: Twitter ufficiale Mercedes

F1 anticipa la pausa estiva

La primavera alle porte che doveva vedere “fiorire” i semafori della Formula 1 dopo l’inverno muta nella quiete estiva del “dolce far nulla” per il mondo dei motori. Tutti fermi a causa del Coronavirus. Chase Carey aveva annunciato in una lettera- di cui vi abbiamo già parlato- di stare provvedendo a prendere delle precauzioni e la FIA ha già annunciato la prima manovra. La chiusura delle squadre tuttavia appare realmente l’unica soluzione. In questa maniera, tutti i lavoratori sono obbligati a stare a casa, evitando così la trasmissione del virus, le scuderie evitano di perdere altri ammonti di denaro e soprattutto hannp tutti una tempistica omogenea. Il resto del pianeta, così, ha il tempo di concentrarsi per combattere e debellare questo virus nel minor tempo possibile.

Il comunicato ufficiale, traduzione in italiano

Il comunicati ufficiale della FIA dice così:

“Alla luce dell’impatto globale del COVID-19 coronavirus che sta attualmente condizionando l’organizzazione degli eventi del Campionato Mondiale di Formula Uno della FIA, il Concilio del Motorsport Mondiale ha approvato un cambiamento nel Regolamento Sportivo della Formula 1 2020 della FIA, spostando il periodo della chiusura fra Luglio e Agosto a Marzo e Aprile e lo estende da 14 a 21 giorni

Tutti i competitori devono dunque osservare un periodo di chiusura di 21 giorni consecutivi durante i mesi di Marzo e/o Aprile.

La modifica è stata sostenuta all’unanimità sia da F1 Strategy Group che dalla Commissioni di F1″

Ma non finisce qui. A questa prima precauzione avranno seguito sicuramente molti altri cambiamenti per un 2020 da togliere il fiato- purtroppo non per quanto accade in pista.