EXOR vuole vendere la Juventus?

Dopo le dimissioni dell’intero CdA della Juventus, Exor starebbe discutendo sulla possibilità di vendere la Juventus.

Nel bel mezzo dei Mondiali in Qatar, la situazione della Juventus ha sconvolto completamente il calcio italiano. Il momento delicatissimo che il club bianconero sta affrontando ha sicuramente monopolizzato l’intero interesse mediatico. In settimana, infatti, ci sono state le dimissioni dell’intero CDA ed in primis dell’ex presidente Andrea Agnelli.

La questione sarebbe legata all’inchiesta Prisma della Procura di Torino relativa agli stipendi irregolari e opinabili plusvalenze, confermate anche da numerose intercettazioni che hanno visto coinvolgere diversi tesserati. Come se ciò non bastasse la stessa Exor, una holding davvero quotata e che controlla la stessa Juventus, starebbe pensando di vendere proprio il club.

La Juventus ha cambiato completamente volto: il nuovo presidente è Gianluca Ferrero mentre come direttore generale ci sarà Maurizio Scanavino. I motivi che, però, stanno spingendo Exor a vendere la società sono innanzitutto legati alle difficoltà economiche che la società sta affrontando negli ultimi turbolenti anni.

Nel 2019, il club è riuscito a toccare il valore di circa un miliardo e 700 milioni di euro, complice anche la permanenza di un campione come Cristiano Ronaldo che ha portato tantissime entrate. Con l’addio del portoghese e soprattutto con le numerose difficoltà legate al Covid, il club è arrivato ad ottenere in borsa il valore di circa 680 milioni di euro.

Tutte queste problematiche, dunque, stanno facendo pensare alla cessione da parte di Exor. La Juve non è l’unico club blasonato in vendita: anche Inter, Liverpool e Manchester United sono in attesa di ulteriori sviluppi. In un mese di dicembre che si preannuncia davvero turbolento, la Juventus sta affrontando un periodo di transizione in cui si svincolerà, dopo anni ed anni di successi e trofei, dalla proprietà storica della famiglia Agnelli.

Cesare Tartaglione

Informazioni sull'autore
"Non c'è altro posto al mondo dove l'uomo è più felice che in uno stadio di calcio" Classe 96. Nutro una vera venerazione per il calcio e una profonda passione per la scrittura e la libertà di espressione. Insegnante e divoratore di libri. Open minded.
Tutti i post di Cesare Tartaglione