Emergenza Coronavirus, Serbia: giocatore condannato a 3 mesi di carcere. Guai in vista anche per Walker

Nonostante l’emergenza Coronavirus che tiene sotto scacco il Mondo ormai da settimane, Aleksandar Prijovic dell’Al-Ittihad e Kyle Walker del Manchester City violano la quarantena e finiscono nei guai. Il primo è stato condannato a tre mesi di reclusione domiciliare, il secondo rischia invece una maxi multa dalla sua società.

Il fatto che il Coronavirus abbia modificato drasticamente le nostre vite è ovvio. Ciò che prima era abitudine, ora non lo è più. Ormai da settimane siamo costretti a vivere rinchiusi in casa con un numero ristretto di cose da fare.

Ci è stato chiesto di fare dei sacrifici per poter così tornare il prima possibile alla vita a cui eravamo abituati. Evidentemente, sebbene l’emergenza Coronavirus, tale messaggio non dev’essere entrato nella mente di Aleksandar Prijovic, attaccante dell’Al-Ittihad, con un passato al Parma, e Kyle Walker, difensore del Manchester City.

Il 29 enne serbo pare sia stato beccato fuori orario, insieme ad altre 19 persone, nel bar di un hotel a Belgrado. Il governo serbo ha infatti imposto ai propri cittadini, per evitare il contagio da Covid-19, un coprifuoco che va dalle 17:00 alle 05:00 di mattina. Violando tale coprifuoco, Prijovic è andato incontro ai guai ed è stato infatti condannato a tre mesi di reclusione domiciliare risultando anche alquanto fortunato visto che coloro che violano le misure restrittive rischiano fino a tre anni di reclusione.

Emergenza Coronavirus: Prijovic e Walker finiscono nei guai

Emergenza Coronavirus: Kyle Walker del Manchester City invita a rispettare le regole, ma lui è il primo ad infrangerle

Se la storia di Prijovic ha dell’eclatante e del paradossale, considerando la situazione, peggio ha fatto Kyle Walker del Manchester City. Il difensore inglese infatti, nonostante le vigenti regole mirate a contenere il contagio da Coronavirus, ha organizzato, nei giorni scorsi, un festino a luci rosse con due escort in uno dei suoi appartamenti.

L’accaduto, alla luce degli inviti dello stesso Walker a restare a casa, ha generato molta indignazione nell’animo della gente che non ha esitato a bollare Walker come “idiota”. Ad ogni modo l’ex difensore del Tottenham si è subito scusato per la vicenda che, vista l’emergenza Coronavirus, è alquanto inaccettabile.

Il Manchester City dal canto suo, club di appartenenza del classe ’90, ha fatto sapere che prenderà seri provvedimenti nei confronti del suo tesserato. Provvedimenti che dovrebbero tradursi in una salatissima multa che si spera induca Walker a pensare, la prossima volta, prima di mettere in atto simili idiozie.

Nicola Patrissi

Informazioni sull'autore
"Non è tanto chi sei, quanto quello che fai che ti qualifica". Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Basilicata. Laureato in Lettere Moderne. Amo la scrittura, la fotografia e il calcio.
Tutti i post di Nicola Patrissi