Dopo Milan e Juventus, arbitri penalizzano anche la Roma in Europa: Uefa non vuole il Var

La Roma è uscita dalla Champions League con tanto orgoglio ma anche tanti rimpianti, in particolare per la direzione di gara contro il Liverpool, macchiata da più di un errore dell’arbitro Skomina.

Ci ha messo sicuramente del suo la squadra di Di Francesco, subendo ben 7 reti in 180 minuti è veramente difficile passare la semifinale di Champions League, ma è anche vero che la Roma ha realizzato 6 reti, e ieri ha dato la sensazione di essere superiore agli inglesi per buona parte della gara.

A pesare molto sul risultato però ci sono due episodi, che fanno il paio con il gol del 3-0 di Salah all’andata, macchiato da un chiarissimo fuorigioco.

Fuorigioco di Salah nell’azione che porterà lo stesso egiziano al 3-0 in Liverpool-Roma.

Al 49′ il primo errore della terna arbitrale: su un lancio perfetto di Nainggolan verso la profondità, Dzeko supera la difesa avversaria e si trova a tu per tu con Karius, che lo stende in area di rigore. Il rigore è netto, ma tutto viene fermato dal guardalinee che segnala un offside che non c’è. Senza questo errore del guardalinee, sarebbe stato calcio di rigore e cartellino giallo per Karius.

Ancora più clamoroso è l’episodio avventuo al 63′, sul 2-2. Dopo una serie di batti e ribatti in area, la palla arriva sul piede sinistro di El Shaarawy che, a pochi metri dalla porta, colpisce con un tiro che quasi sicuramente è indirizzato al gol. A lui si sapprone Arnold che chiaramente para con la mano destra. Il braccio è largo e scomposto, il tiro è indirizzato verso la porta. Sarebbe stato rigore ed espulsione.

roma liverpool episodi arbitri

Due episodi che hanno pesato moltissimo sull’indirizzo della gara. Al 63′ la Roma avrebbe avuto la possibilità di andare in vantaggio prima, e di giocare mezz’ora con un uomo in più.

Al termine della gara a fare la voce grossa è stato il direttore sportivo giallorosso Monchi, che ha chiaramente parlato di poco rispetto da parte dell’UEFA per le squadre italiane e ha chiesto a gran voce l’introduzione del Var anche in Champions League.

Anche il presidente Pallotta ha parlato degli episodi, chiedendo il Var “altrimenti si arriva al ridicolo”, mentre Di Francesco è sbottato in conferenza stampa: “Il rigore non visto ci avrebbe permesso di mettere alle corde il Liverpool, ma di ingenuità ne abbiamo commesse anche noi.