Dichiarazioni di Spalletti nel pre gara di Roma-Empoli: i giallorossi devono vincere

Settimana importante quella della Roma, che affronterà la Lazio nel ritorno di Coppa Italia. Prima però la squadra giallorossa dovrà affrontare l’Empoli, domani sera all’Olimpico. Luciano Spalletti, tecnico della Roma, ha voluto parlare, come di consueto, alla vigilia della sfida.

Il tecnico giallorosso ha detto che il modo migliore per preparare la sfida contro la Lazio, sarà quello di battere l’Empoli domani sera. Una vittoria, infatti, caricherebbe la squadra e le darebbe ancora più motivazioni per passare il turno in Coppa Italia.

Sulle condizioni di De Rossi, Spalletti ha tranquillizzato tutti dicendo che il giocatore, sebbene abbia un ematoma alla schiena, non ha particolari problemi. Domani, però, sarà difficile che giocherà, anche perché la sua condizione andrà valutata attentamente.

Sul possibile impiego di Grenier, Spalletti ha ribadito che andrà anche lui valutato, perché sta facendo un lavoro atletico, per riprendersi dal grave problema al ginocchio. Sarà preso in considerazione, qualora le sue condizioni saranno davvero migliorate.

 

Luciano Spalletti

In merito al possibile arrivo di Monchi, Spalletti è stato categorico nel ribadire che non sa nulla sull’argomento, se no quello che è stato scritto sui giornali. La sua priorità è pensare a vincere contro l’Empoli, tutto il resto non lo riguarda.

Per quanto riguarda la cena con il presidente Pallotta, Spalletti ha detto di aver parlato del futuro, esprimendo liberamente il suo pensiero. Su quello che si sono detti di preciso, però, il tecnico giallorosso ha detto di chiedere direttamente al presidente Pallotta.

Spalletti ha poi parlato della sfida tra Napoli e Juventus, dicendo che seguirà con attenzione la partita visto che si troveranno di fronte due grandi allenatori e dei grandi giocatori. Non farà il tifo per nessuna delle due ed è convinto che sarà una bellissima partita.

Il tecnico della Roma ha poi concluso la conferenza stampa, ribadendo che non dovesse vincere un titolo, non sarebbe disposto a rimanere.  Il rientro dei tifosi allo stadio lo rende felice e spera di non trovare striscioni contro di lui.