Cronaca Diretta Gran Premio d’Italia di F1 a Monza 06-06-2020

Cronaca Diretta Gran Premio d’Italia di Formula 1 a Monza Domenica 6 Settembre 2020 ore 15:10

Ordine d’Arrivo Gran Premio d’Italia di F1:

110Pierre GaslyALPHATAURI HONDA531:47:06.05625
255Carlos SainzMCLAREN RENAULT53+0.415s18
318Lance StrollRACING POINT BWT MERCEDES53+3.358s15
44Lando NorrisMCLAREN RENAULT53+6.000s12
577Valtteri BottasMERCEDES53+7.108s10
63Daniel RicciardoRENAULT53+8.391s8
744Lewis HamiltonMERCEDES53+17.245s7
831Esteban OconRENAULT53+18.691s4
926Daniil KvyatALPHATAURI HONDA53+22.208s2
1011Sergio PerezRACING POINT BWT MERCEDES53+23.224s1
116Nicholas LatifiWILLIAMS MERCEDES53+32.876s0
128Romain GrosjeanHAAS FERRARI53+35.164s0
137Kimi RäikkönenALFA ROMEO RACING FERRARI53+36.312s0
1463George RussellWILLIAMS MERCEDES53+36.593s0
1523Alexander AlbonRED BULL RACING HONDA53+37.533s0
1699Antonio GiovinazziALFA ROMEO RACING FERRARI53+55.199s0
NC33Max VerstappenRED BULL RACING HONDA30DNF0
NC16Charles LeclercFERRARI23DNF0
NC20Kevin MagnussenHAAS FERRARI17DNF0
NC5Sebastian VettelFERRARI6DNF0

Cronaca Diretta Gara GP D’ITALIA A MONZA:

Giro 53: Ultimo colpo per Sainz, che insiste ma Gasly la tiene. Che bella battaglia fra giovani quella acui stiamo assistendo. Vince Gasly con l’Alpha Tauri, seguito da Sainz su McLaren e Stroll terzo.

Giro 51: Gasly è ancora leader, Hamilton prova a prendere Kvyat ma non riesce. “Massima concentrazione” dicono a Sainz dal box. Hamilton ce la fa, è ottavo.

Giro 49: Carlos Sainz sta raggiungendo Gasly e anche Ricciardo sta per prendere Bottas, quinto dietro Norris.

Giro 47: Sainz ha un po’ di blistering nell’anteriore ma non dovrebbe avere problemi, ha anche un giro in meno di Gasly. Hamilton batte Raikkonen ed entra in zona punti.

Giro 43: A dieci giri dalla bandiera a scacchi Hamilton è 12, Gasly è primo mentre Raikkonen è ottavo, superato brillantemente da Ocon.

Giro 41: Hamilton prende la posizione su Albon e ora ha nel mirino Russell e Grosjean. Lewis supera anche Russell, che si accoda. Sainz si avvicina sensibilmente a Gasly.

Giro 37: Di nuovo Gasly davanti, alla conquista della sua prima vittoria

Giro 34: Sainz “Io punto Gasly” e lo supera!

Giro 32: Verstappen si ritira.

Giro 30: Hamilton sconta penalità e rientra ultimo. Il leader del Gran Premio è Gasly.

Giro 28: Stroll quasi prende Raikkonen, Gasly è secondo, seguito da Raikkonen. bellissimo sorpasso su Sainz da parte di Stroll. Che occasione d’oro per Iceman! Verstappen è in 14 posizione.

Giro 26: Bandiera Rossa, per ripristinare la gara. Stop and Go per Hamilton, 10 secondi di penalità.

Giro 25: Leclerc si schianta nella Parabolica. Ha perso l’auto nel posteriore, ha preso una bella botta ma sta bene.

Giro 23: Entrano le due McLaren. Gasly è terzo, Giovinazzi è quarto. Leclerc super Giovinazzi, ora è quarto.

Giro 21: Investigazione per Hamilton, è entrato col semaforo rosso, pericolo di squalifica.

Giro 20: SC, maxi pit-stop per tutti. Ne perde Leclerc che ha già effettuato il pit stop. Anche Sainz e Norris, però, non si sono fermati. é stata chiusa la pit-lane.

Giro 19: Magnussen si ritira, “qualcosa—- ehm— si è rotto”.

Giro 18: pit-stop per Leclerc.

Giro 17: Team Radio di Bottas: “Non posso gareggiare con questi comandi del motore. é uno scherzo”.

Giro 11: Verstappen settimo si è avvicinato a Bottas, che fatica a stare dietro a Ricciardo.

Giro 8: Si è ritirato Vettel. Finisce in un mare di lacrime e sconforto l’ultimo Gran Premio di Monza in Ferrari del tedesco.

Giro 6: problemi ai freni per Sebastian Vettel, che stava lottando per la terzultima posizione contro Russell. Vediamo il fuoco, è esploso l’intero impianto frenante della Ferrari.

Giro 5: Il finlandese si lamenta anche della pressione delle gomme e e del sottosterzo, non rilevato però dal box, Magnussen ha già effettuato il pit-stop, montando gomma dura. Che intenda andare fino alla fine?

Giro 3. Verstappen sfrutta il cordolo e ottiene la settima posizione su Stroll. Hamilton stranamente non si allontana più di tanto. Intanto, Bottas viene superato agevolmente ancora, adesso è sesto.

Giro 1: Sainz supera Bottas e ci riesce anche Norris. Un super inizio per la McLaren, davvero energici. Bottas sembra avere dei problemi. Dice che si tratta di una fumatura ma non rientra a box.

F1 GP D’ITALIA RISULTATI QUALIFICHE:

Lewis Hamilton ha ottenuto la pole position del Gran Premio d’Italia, ottava prova del Mondiale 2020. Una pole iconica per il britannico (alla 94.esima in carriera), dato che questo 1:18.887 gli vale il giro con la velocità media più alta nella storia della Formula 1 (264.362 km/h). A 69 millesimi troviamo Valtteri Bottas, che completa la sesta prima fila tutta Mercedes della stagione (tutte consecutive). Seconda fila alquanto a sorpresa, con Carlos Sainz Jr. (+0.808) su McLaren e Sergio Perez (+0.834) su Racing Point. Solo 5° Max Verstappen (+0.908), in terza fila con l’altro pilota di Woking, Lando Norris (+0.933).

In quarta fila si schiereranno la Renault di Daniel Ricciardo (+0.977) e l’altra Racing Point di Lance Stroll (+1.162); in quinta la seconda Red Bull di Alexander Albon (+1.203) e l’AlphaTauri di Pierre Gasly (+1.290). Fuori dai primi 10, in sesta fila troviamo Daniil Kvyat (AlphaTauri) ed Esteban Ocon (Renault). Solo 13° la prima Rossa, quella di Charles Leclerc: con la 17° posizione di Sebastian Vettel questa è la peggior qualifica di sempre della Ferrari a Monza. In settima fila, con il monegasco, c’è Kimi Raikkonen (Alfa Romeo), mentre in ottava le due Haas di Kevin Magnussen e Romain Grosjean. In nona, con Vettel, ci sarà Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo). Chiudono lo schieramento le Williams di George Russell e Nicholas Latifi.

Griglia di Partenza Gran Premio d’Italia di Formula 1:

1 44 Lewis Hamilton MERCEDES 1:18.887
2 77 Valtteri Bottas MERCEDES 1:18.956
3 55 Carlos Sainz MCLAREN RENAULT 1:19.695
4 11 Sergio Perez RACING POINT BWT MERCEDES 1:19.720
5 33 Max Verstappen RED BULL RACING HONDA 1:19.795
6 4 Lando Norris MCLAREN RENAULT 1:19.820
7 3 Daniel Ricciardo RENAULT 1:19.864
8 18 Lance Stroll RACING POINT BWT MERCEDES 1:20.049
9 23 Alexander Albon RED BULL RACING HONDA 1:20.090
10 10 Pierre Gasly ALPHATAURI HONDA 1:20.177
11 26 Daniil Kvyat ALPHATAURI HONDA 1:20.169
12 31 Esteban Ocon RENAULT 1:20.234
13 16 Charles Leclerc FERRARI 1:20.273
14 7 Kimi Räikkönen ALFA ROMEO RACING FERRARI 1:20.926
15 20 Kevin Magnussen HAAS FERRARI 1:21.573
16 8 Romain Grosjean HAAS FERRARI 1:21.139
17 5 Sebastian Vettel FERRARI 1:21.151
18 99 Antonio Giovinazzi ALFA ROMEO RACING FERRARI 1:21.206
19 63 George Russell WILLIAMS MERCEDES 1:21.587
20 6 Nicholas Latifi WILLIAMS MERCEDES 1:21.717

F1, GP d’Italia 2020: Il Circuito di Monza

L’attuale tracciato del Circuito. Fonte: wikipedia

Nome: Autodromo Nazionale di Monza (ENI circuit)

Località: Monza

Lunghezza: 5.793 m

Curve: 11

Record: Ufficiale, 1’21″046 Rubens Barrichello su Ferrari F2004. Ufficioso (non valido perchè ottenuto in qualifica)1’19″119 Kimi Raikkonen nel 2018

Enzo Ferrari assiste alle prove negli anni ’60. Fonte: Wikipedia

L’Autodromo di Monza è situato all’interno del Parco Reale della città ed è uno dei più antichi, in quanto è stato costruito nel 1922 in soli 110 giorni. Durante il periodo della crescita economica a seguito della fine della Prima Guerra Mondiale, l’Italia si ritrova ad affrontare un paradosso: le sue auto sono famose nel mondo ma è sprovvista di impianti adeguati. Ecco la nascita di questo circuito composto da due anelli, uno per tets stradali e l’altro di corse, comunicanti grazie alla partenza e quindi utilizzabili anche contemporaneamente.

la spaventosa curva parabolica. Fonte: Wikipedia

La struttura era famosa per l’alta velocità raggiungibile, infatti ci sono stati 13 incidenti mortali di piloti (11 automobilisti e due motociclisti) più gli spettatori. Tuttavia, nonostante i diversi tentativi di modificarne l’assetto e aumentarne la sicurezza il circuito non perde un briciolo del suo fascino. Nel 1938 ad esempio viene realizzata la Parabolica, una curva a 180 gradi davvero impressionante, che resiste quasi fino ai giorni nostri. Il circuito è sicuramente uno dei più resilienti della storia, dato che è sopravvissuto alla Secinda Guerra Mondiale, alle varie ristrutturazioni, a 69 edizioni ed ora anche alla pandemia.

Per affrontarlo, tuttavia, ci vuole coraggio. Innanzitutto, dopo le modifiche a Silverstone nel 1991 è il circuito più veloce in calendario. Il pilota deve avere una macchina scarica dal punto di vista aerodinamico proprio per la velocità richiesta, che si aggira intorno ai 350-360 km/h ed avere un’ottima abilità in frenata, date le strette curve che costringono ad un bloccaggio fino a 70 km/h .

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Silvia Giorgi

Informazioni sull'autore
Classe 1990, mi sono laureata in Lingue a Bari (ne parlo 4) e appassionata di sport da sempre (ho fatto equitazione per un bel po'). Sin da bambina ho sempre avuto il sogno di diventare una giornalista sportiva. Gli sport che amo di più sono equitazione, pattinaggio su ghiaccio e il motorsport a 360 gradi. Il mio preferito? La Formula 1, ovviamente.
Tutti i post di Silvia Giorgi