Coupe de France: storica finale per l’Angers

Con la vittoria sul Guingamp i bianconeri tornano in finale dopo 60 anni. L’altra finalista uscirà da Psg-Monaco.

L’Angers conquista una storica finale dopo 60 anni. Era dal 1957 che i bianconeri non andavano in finale di Coppa di Francia. Il club della Loira ha sconfitto in semifinale il Guingamp per 2-0 in un match molto combattuto. Dopo il vantaggio iniziale di Mangani (ex meteora del Chievo con due sole presenze in maglia clivense), al minuto 89 i bretoni falliscono un calcio di rigore con Briand che avrebbe potuto portare le due squadre ai supplementari.

In pieno recupero al 47′ arriva il raddoppio dei padroni di casa con Toko Ekambi che scatena finalmente la festa dell’Angers. Dopo la lunga assenza di 21 anni dalla Ligue1 – riconquistata soltanto nel 2015 – ora gli uomini di Moulin si giocheranno la possibilità di conquistare un prestigioso trofeo. Non sarà certo semplice in finale allo Stade de France, dove ad attenderli ci sarà la vincente dell’altra semifinale che si giocherà questa sera tra Psg e Monaco, quella che è stata definita la finale anticipata.

Il tecnico Stephane Moulin, entusiasta per lo storico traguardo raggiunto, ha così espresso la sua gioia: “Avevamo detto che ritrovarsi in finale sarebbe stato un sogno, la parola d’ordine era trasformarlo in realtà. Abbiamo cancellato 60 anni di assenza dalla finale di Coppa di Francia, è eccezionale. Anche se dobbiamo rimanere umili e modesti, abbiamo il diritto di misurare tutto quello che genererà questo risultato. Abbiamo guadagnato il diritto di andare a giocare una finale allo Stade de France e per noi è molto” – ha concluso l’allenatore dei bianconeri.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Veronica Martella

Informazioni sull'autore
Pugliese, una laurea in storia dell'arte e tanta passione per il calcio e la Roma in particolare. Amo le cose belle e semplici della vita e non sopporto l'arroganza, l'intolleranza e chi non si emoziona mai per nulla.
Tutti i post di Veronica Martella