Ciclismo strade bianche 2021: presentazione, orario e dove vederla in diretta Tv e Streaming

La grande stagione del ciclismo professionistico in Italia si appresta ad entrare nel vivo. Dopo il Trofeo Laigueglia, che ha visto trionfare nelle terre del savonese l’olandese della Trek Segafredo Bauke Mollema, l‘UCI World Tour fa tappa a Siena, per quella che è diventato un appuntamento fisso del tracciato italico: le “Strade bianche“, così chiamate per i tipici tratti di sterrato che la caratterizzano, riprende il suo abituale posto in calendario e si preannuncia come gustoso antipasto della prima “Monumento” della stagione, la Milano-Sanremo.

A sfrecciare sulle insidiose strade toscane saranno alcuni dei nomi più importanti del ciclismo mondiale. Le varie formazioni (di cui 20 World Tour e 5 Professional), sono infatti orientate a schierare alcuni dei loro migliori corridori, al fine di accumulare chilometri nelle gambe in vista degli appuntamenti più importanti della stagione.

Sono presenti in starting list “big” come Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick Step), campione del mondo in linea che su queste strade ha già vinto nel 2019, Tadej Pogacar (Jumbo Visma), già vincitore all’UAE Tour di quest’anno nonché dell’ultimo Tour de France, Egan Bernal (Ineos), secondo al Trofeo Leigueglia e Wout Van Aert (Jumbo), vincitore della scorsa edizione corsa in agosto.

Tra gli italiani si segnala invece la presenza di Davide Formolo (UAE, secondo lo scorso anno), indicato dunque tra i probabili favoriti,di Alberto Bettiol (EF, quarto lo scorso anno) e di Davide Ballerini (Deceuninck). La corsa senese avrà un unico grande assente: il pubblico. Ma lo spettacolo promette di non deludere per una delle classiche più giovani di tutto il panorama ciclistico.

Union Cycliste Internationale (UCI) - Home

Strade Bianche 2021: presentazione del percorso

Le “Strade Bianche” sono una corsa di 184 Km complessivi, divisi tra tratti di asfalto e undici settori completamente sterrati, per un totale di 63 Km. Da qui il nome, visto che il bianco è colore che predomina e si staglia su gran parte del percorso, creando un bell’effetto scenico. I tratti di sterrato sono per lo più in salita con tante curve, saliscendi e percorsi molto tortuosi. Per questo motivo occorreranno le gambe resistenti e propense allo scatto dei passisti-velocisti, capaci di mnantenere un passo sostenuto per grandi distanze e di adattarsi a diverse altimetrie.

Si parte dalla Fortezza Medicea di Siena, nel quartiere di San Prospero, e dopo i primi 18 chilometri si affronta il primo tratto di sterrato, Vidritta, che con i suoi 2,1 Km potrebbe selezionare la fuga di giornata. Più impegnativo lo sterrato di Bagnaia (5,8 Km), dove i corridori avranno a che fare con la prima salita di giornata, con picchi a toccare il 10%.

Dopo circa 55 chilometri, il gruppo avrà affrontato i tratti non asfaltati di Radi (4,4 Km) e La Piana (5,5 Km). Entrambi abbastanza in piano, serviranno ai corridori per abituarsi ancora di più allo sforzo e acquisire un buon passo in vista dei tratti più impegnativi.

Tali sono i percorsi di Lucignano d’Asso e Pive a Salti (20 Km complessivi), che saranno caratterizzati da una planimetria irregolare, fatta di molti saliscendi che potrebbero scremare il gruppo e lasciare indietro chi non dovesse incidere negli scatti brevi.

Usciti da questi tratti piuttosto impegnativi, i corridori affronteranno San Martino in Grania, che li metterà alla prova con un ultimo pezzo in salita, e Monte Sante Marie, un percorso di 11 chilometri e mezzo descritto come il più duro, caratterizzato da brevi strappi in salita a pendenze elevate, che premierà solo chi avrà più benzina in corpo.

A questo punto il gruppo, scremato, andrà ad affrontare gli ultimi 40 chilometri, in cui si concentrano gli altri tre tratti di sterrato: Monteaperti (800 metri tutti in salita), Colle Pinzuto (due chilometri e mezzo con picchi del 15%) e infine le Tolfe (poco più di un chilometro con pendenze del 18%).

I superstiti imboccheranno dunque le strade esterne alla città, che si svilupperanno per circa 12 chilometri, con viali rettilinei e molto ampi. Una volta rientrati nell’abitato, i corridori dovranno percorrere gli ultimi due chilometri prima passando per la Porta di Fontebranda, poi su un piccolo tratto di Pavé in Via Santa Caterina (pendenza media del 10% e massima del 16%). Il traguardo è fissato in Piazza del Campo, e vi si dovrebbe giungere dopo cinque ore di corsa.

Strade Bianche 2021: programmazione TV e favoriti

Le Strade Bianche avranno inizio domani, sabato 6 marzo 2021, alle ore 11:40. La diretta televisiva sarà garantita da Raisport 1 (canale 57) ed Eurosport (anche tramite app Eurosport Player), a partire dalle 12:30.

Per ciò che riguarda il “borsino” favoriti, alcuni ve li abbiamo nominati già ad inizio articolo: occhio a Julian Alaphilippe, che ha dichiarato di amare particolarmente questo percorso, e si presenta con la maglia di campione del mondo in linea. Anche Van Aert, campione uscente, è un nome da tenere d’occhio. Attenzione anche a Zdenek Stybar, altra pedina della DQS, che ha già trionfato qui nel 2015, dimostrando di avere una certa affinità col percorso accidentato della corsa. Potrebbe infine giocarsi chance importanti di vittoria Mathieu Van Der Pool, che all’UAE ha vinto la prima tappa prima del ritiro in massa della Alpecin, e si trova particolarmente a suo agio su percorsi non troppo lunghi.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SNAI

5€ Bonus Scommesse alla Registrazione