Champions League, calendario con date e orari Gruppo F: tutto sugli avversari della Lazio

La Lazio torna a disputare la fase a gironi della Champions League dopo ben 12 anni e lo fa nell’auspicio di portare in alto il nome di un progetto che, da oltre quattro anni e sotto la guida di Simone Inzaghi, si sta sviluppando nel segno della continuità. Lazio che, partendo dalla quarta fascia, è stata inserita nel gruppo F insieme a Zenit, Borussia Dortmund e Club Bruges. Un girone molto abbordabile rispetto a quelle che erano le premesse, ma l’undici di Inzaghi si troverà comunque di fronte avversari ben più esperti in campo internazionale.

L’esordio avverrà in casa il 20 ottobre contro i gialloneri di Favre. Poi sarà la volta di Club Bruges e Zenit, da affrontare entrambe in trasferta, una con inizio alle 21:00, l’altra alle 18:55. Tutte le gare del girone d’andata saranno tra loro distanziate di una sola settimana. Il girone di ritorno si svolgerà tra il 24 novembre e l’8 dicembre e partirà con la sfida casalinga allo Zenit, inizio ore 21:00, per poi proseguire con le gare al cospetto di Dortmund, il 2 dicembre fuori casa, e Brugges, 8 dicembre all’Olimpico con inizio alle 18:55.

Lazio, la presentazione degli avversari nei gironi di Champions: lo Zenit San Pietroburgo

Lo Zenit di Malcom campione di Russia | Transfermarkt

Cenni storici – Club fondato nel 1925, salito alla ribalta internazionale per opera e volere del colosso Gazprom, leader nell’estrazione e distribuzione del gas, ha vissuto il suo periodo d’oro nella prima metà degli anni 2000, quando ha conquistato importanti successi anche in ambito internazionale, con la Coppa Uefa e la Supercoppa Europea entrambe vinte nel 2008. In mezzo, un dominio nel campionato russo che si è interrotto nel triennio 2015-18, “colpa” delle tre squadre di Mosca, CSKA, Spartak e Lokomotiv, per poi riprendere da due stagioni or sono.

La rosa – Squadra campione di Russia in carica, dello Zenit è rimasto poco rispetto alla squadra stellare che annoverava tra gli altri gente come Witsel, Hulk, Tymoscuk e Criscito. Ora le “stelle” sono il capitano Dzuyba, l’ex Liverpool Lovren ma, soprattutto, la coppia offensiva formata da Azmoun e Malcom, che può creare davvero molti pericoli.

L’allenatore – Timoniere della squadra, da due anni a questa parte, è Sergej Semak, ex giocatore del club tra il 2010 e il 2013. Tecnico giovane, coetaneo di Inzaghi, Semak schiera i suoi col 4-4-2 puntando molto sulle due “stelle” della squadra Azmoun e Malcom nonché su una fase difensiva molto accorta e preparata.

Le stelle – Malcom-Azmoun rappresentano sicuramente il pericolo numero uno per la Lazio e le altre avversarie dei russi. Il brasiliano ha accettato la proposta dello Zenit dopo la deludente esperienza al Barcellona e nell’ultimo anno ha messo a segno quattro gol e un assist in 12 partite. L’iraniano è invece il vero “uomo in più” della squadra, sia per i suoi numeri, già sei reti in dieci partite quest’anno, sia per la sua duttilità che gli permette di giocare indifferentemente da prima, in coppia con Malcom, o seconda punta, alle spalle del possente Dzuyba.

Borussia Dortmund

Bundesliga | How Borussia Dortmund went above and beyond to push Bayern  Munich all the way

Cenni storici – I gialloneri della Ruhr sono il vero pericolo numero uno per la Lazio in questo gruppo F. Squadra che non necessita di particolari presentazioni, ha nel suo palmares una Champions vinta ai danni della Juventus nel 1998. Con Klopp in panchina la squadra ha vissuto la sua ultima “epopea” internazionale ma, dopo un periodo di difficoltà, si sta ricostruendo grazie a un buon mix di gioventù ed esperienza.

La rosa – Ceduto Hakimi all’Inter, il Borussia si è comunque rinforzato con gli innesti di Meunier dal PSG e del giovane Bellingham dal Birmingham. Rosa di grande qualità che annovera nomi del calibro di Hummels, Witsel, Burki, Hazard e Brandt, nonché alternative di assoluto livello come Dahoud, è lei la vera favorita del girone.

L’allenatore – Lucien Favre è ormai diventato una sorta di mentore per i suoi ragazzi: in Renania dal 2018, dopo la positiva esperienza al Nizza, ha seriamente insidiato la leadership del Bayern Monaco: riuscirà nel suo intento quest’anno?

La stella – Erling Haaland è uno dei centravanti più forti al mondo, nonostante abbia appena 20 anni. Potente fisicamente, dall’alto dei suoi 202 centimetri è una vera forza della natura in mezzo all’area. Il suo impatto col calcio tedesco è stato devastante: 13 gol in 15 presenze nella Bundesliga lo scorso anno.

Il talento – Jude Bellingham ha 17 anni, ma è già entrato nella storia per aver fatto il proprio debutto in Football League all’età di 16 anni e 57 giorni, il 25 agosto del 2019, diventando il più giovane debuttante in campionato per il Birmingham. Centrocampista dalle belle speranze, il Borussia ha speso 23 milioni per assicurarselo. Sarà lui l’uomo da tenere d’occhio tra i ranghi gialloneri.

Club Bruges

Club Brugge officially declared Belgian champions - AS.com

Cenni storici – Club fondato nel 1891, il Bruges è una delle squadre fiamminghe più blasonate dopo l’Anderlecht: sedici Scudetti e undici Coppe de Belgio, cui fa da contorno una finale di Coppa Campioni raggiunta nel 1978 a spese della Juventus.

La rosa – Capitanata dall’olandese Ruud Vormer, la squadra campione del Belgio è giovane e non teme di imporre il proprio gioco. Il 4-3-3 disegnato da Philippe Clement ha in Emmanuel Dennis un terminale offensivo efficace, 5 gol lo scorso anno. In porta c’è l’ex Liverpool Mignolet, con elementi d’esperienza quali Mitrovic nel reparto arretrato.

L’allenatore – Philippe Clement è al secondo anno alla guida di questa compagine. Il suo è un calcio propositivo basato sul 4-3-3 dalle ottime attitudini offensive. Al primo anno ha conquistato lo Scudetto, uscendo ai sedicesimi di EL contro lo United, e ora punta a stupire anche nell’Europa che conta.

La stella – Emmanuel Dennis è l’attaccante di riferimento del Bruges. Da tre anni in Belgio, si è preso la titolarità dell’attacco contribuendo, grazie ai suoi cinque gol, alla conquista del titolo.

Il talento – Amadou Sagna: occhio a quest’ala destra classe 1999 promosso da quest’anno in prima squadra. Potrebbe essere lui il “jolly” offensivo a disposizione di Clement.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus