Calciomercato Milan, salta anche Renato Sanches: va al PSG

Calciomercato Milan, sfuma anche l’obiettivo Renato Sanches? Dalla Francia: il portoghese preferisce il PSG.

Procede molto a rilento il calciomercato del Milan: dopo essersi visti soffiare il centrale Sven Botman, passato dal Lille al Newcastle, i rossoneri rischiano di perdere anche Renato Sanches, mediano del Lille, ex Bayern Monaco, sul quale è forte la concorrenza del PSG.

Lo conferma “Le Parisien”, autorevole quotidiano francese, che afferma come Sanches preferisca unirsi ai campioni di Francia, anche per via del recente ingaggio di Christophe Galtier, sotto la cui guida il Lille vinse il campionato lo scorso anno.

Così il Milan, che ha puntato Sanches sin dalla primavera scorsa, rischia ora di veder sfumare un altro obiettivo. La priorità del club rossonero, campione d’Italia in carica, è quella di riempire le lacune lasciate, in difesa e in mediana, dalle partenze di capitan Romagnoli e Franck Kessie, entrambi giunti a scadenza di contratto.

La società meneghina avrà l’onere, oltre che l’onore, di difendere il tricolore che si è appena ricucito sul petto. L’umore non può, però, essere dei migliori: vedere le principali rivali al titolo, Inter e Juventus, già mettere a segno colpi di un certo spessore (Lukaku e Di Maria, nello specifico), non deve far certo piacere a una squadra il cui mercato stenta invece a decollare.

Vero è che Stefano Pioli ha plasmato un gruppo affiatato e forte in ogni reparto ma, per presentarsi ai blocchi di partenza col rango di favorita, il Milan necessita di colmare almeno le falle menzionate in precedenza, oltre a puntellare l’organico per offrire al mister più opzioni di scelta.

Qualcosa è già stato fatto con l’arrivo, dal Liverpool, di Divock Origi. Il belga andrà a giocarsi il posto da titolare con Giroud, visto che il quarantunenne Zlatan Ibrahimovic sarà presumibilmente utilizzato come “jolly” dalla panchina, oppure potrebbe andare ad occupare una posizione di esterno nel 4-2-3-1.

Il solo arrivo di Origi, però, non basta. Il Milan è atteso ad altri colpi nelle prossime settimane, anche perché la concorrenza si è fatta agguerrita, e non vuole restare a guardare.