Calciomercato Milan: ipotesi James Rodriguez

Dalla Spagna rimbalzano alcune voci di mercato che farebbero felici i tifosi rossoneri: il Milan avrebbe messo nel mirino James Rodriguez, attaccante del Real Madrid che dall’avvento di Zidane fatica a trovare spazio nella stellare rosa Merengue

I nuovi proprietari del Milan sanno benissimo che i tifosi sono a dir poco scettici, conseguenza inevitabile delle travagliate vicende che hanno più volte fatto slittare il closing, destando sospetti e preoccupazioni. Per questo motivo vorrebbero dare un segnale di forza al popolo rossonero ed al mondo del pallone in generale, un segnale che dica: “il Milan sta tornando“. 

Fassone e Mirabelli avranno un esiguo budget a disposizione per fare un mercato convincente, che possa riaccendere l’entusiasmo dei tifosi ed arricchire tecnicamente la rosa a disposizione di mister Montella, che con poco materiale in questa stagione ha già fatto vedere ottime cose. 

Ecco allora che per la prossima campagna acquisti si fanno vive piste importanti, come quella che porta a James Rodriguez, riserva di lusso a Madrid, ma che potrebbe fare le fortune di molti club. Il colombiano è già un veterano del calcio mondiale, ma bisogna considerare che si parla comunque di un classe 1991, che ha già esperienza da vendere e che nel 2014 il Real Madrid pagò ben 80 milioni il suo cartellino al Monaco

Proprio quegli 80 milioni sono la cifra richiesta da Perez per liberare il colombiano. Cifra ritenuta troppo alta da molti e che in pochi potrebbero permettersi di pagare, ma da adesso tra quei pochi c’è anche il Milan.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gabriele Arcifera

Informazioni sull'autore
Vivo a Roma e sono laureto in Scienze politiche e relazioni internazionali alla Sapienza. Amo il calcio e la mia passione mi spinge a mettermi quotidianamente alla prova con un solo sogno nel cassetto: diventare un grande giornalista sportivo.
Tutti i post di Gabriele Arcifera