Calciomercato, addio Empoli: Zajc va al Fenerbahçe. Arriva Dijks, Rasmussen alla Fiorentina. Presi Oberlin e Farias

Empoli attivissimo in queste ultime ore di calciomercato.

In casa empolese è in atto un’autentica rivoluzione, che riguarda principalmente il reparto offensivo.

Reparto dove una delle poche certezze è bomber Ciccio Caputo, blindato dalla società.

Non vale lo stesso per Miha Zajc, il centrocampista sloveno grande rivelazione, che è ormai prossimo ad accasarsi in Turchia, precisamente al Fenerbahçe: affare chiuso sulla base di 6,5 milioni di € + il prestito del turco Salih Uçan.

Foto postata su “Twitter” dall’account “FenerWar”

Sul piano tattico è un cambio da poco, un centrocampista per un altro e per di più della stessa età, ma sul piano tecnico la perdita empolese è notevole.

Tuttavia la società toscana sfrutta subito l’introito economico reinvestendolo con due grandi colpi.

Si comincia con l’attaccante brasiliano Diego Farias, individuato come spalla ideale di Caputo. 

Farias arriverà dal Cagliari in prestito oneroso a 2 milioni con diritto di riscatto fissato a 3. Previste per lui le visite mediche già nella mattinata.

L’altro colpo è Dimitri Oberlin, altro attaccante, classe 1997, proveniente dal Basilea. L’affare si dovrebbe chiudere già oggi, altro prestito con diritto di riscatto fissato a 6 milioni.

Pronto anche un colpo in difesa, il belga Mitchell Dijks, in arrivo dal Bologna.

Il mercato in uscita non si ferma però a Zajc: oltre a Bennacer, già promesso al Napoli per l’Estate, ceduto alla corregionale Fiorentina il difensore danese Jacob Rasmussen, anche lui andrà via solo a fine stagione

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Salvatore Sabato

Informazioni sull'autore
Laureando in chimica industriale. Da sempre devoto alla cultura e al sapere. In generale, sapere, qualunque cosa, ritengo sia sempre importante. Una grande passione per il giornalismo. Anche - ma non solo - sportivo. Fiero di collaborare ormai da tempo a questo progetto.
Tutti i post di Salvatore Sabato