Basket, finale Serie A: Show Trento, Venezia stesa e Serie di nuovo in pari

E’ una Finale Scudetto che continua a regalare emozioni e colpi di scena, dove si affrontano due squadre imprevedibili e che non hanno la minima intenzione di mollare e rinunciare al sogno di diventare Campione d’Italia
Al “Pala Trento” la Dolomiti Trento riesce a battere in Gara-4 la Reyer Venezia con il punteggio di 78-56, frutto di una superiorità netta, manifestata nel primo e nell’ultimo quarto, mentre nella fase centrale della partita si è assistito ad un sostanziale equilibrio. 

Trento entra in campo con la voglia di chi vuole bruciare il parquet e mettere subito in ghiaccio la gare, sorretto dall’entusiasmo coinvolgente di un pubblico che rappresenta veramente l’uomo in più. 
Gli uomini di Buscaglia mettendo subito in riga Venezia ed annichiliscono gli avversari chiudendo la prima frazione sul 22-9

Il secondo ed il terzo quarto sono quelli più equilibrati, se non nel punteggio, nei parziali.
Il +13 messo in saccoccia dai padroni di casa diventa infatti un macigno troppo grande da sollevare per Venezia che, pur chiudendo favorevolmente i due quarti centrali, rispettivamente 18-22 e 14-15, non riesce ad avvicinarsi più di così agli avversari e alla fine del terzo quarto il punteggio dice 54-46

L’ultimo quarto vede rientrare in campo Trento con una determinazione ed una forza tale da schiantare letteralmente Venezia, che rimane inerme dinanzi agli attacchi ben strutturati dei padroni di casa. Coach De Raffaele prova ad inserire forze fresche dalla panchina, ma si registra comunque un impietoso parziale di 24-10 che fissa il punteggio finale sul 78-56

Migliori Marcatori:
Trento: Forray, Flaccadori e Hogue 14.
Venezia: Filloy 12, Ejim 10, Peric, Bramos e Tonut 8

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gabriele Arcifera

Informazioni sull'autore
Vivo a Roma e sono laureto in Scienze politiche e relazioni internazionali alla Sapienza. Amo il calcio e la mia passione mi spinge a mettermi quotidianamente alla prova con un solo sogno nel cassetto: diventare un grande giornalista sportivo.
Tutti i post di Gabriele Arcifera