Barcellona-Juventus, Pirlo: “Gara importante per la nostra crescita. Barça non è in crisi”

L’allenatore della Juventus Andrea Pirlo ha presentato in conferenza stampa la partita di domani contro il Barcellona. Il tecnico bianconero la ritiene importante per il processo di crescita della squadra e non crede ad un Barcellona in difficoltà.

Domani alle ore 21:00 la Juventus sarà di scena al Camp Nou per affrontare il Barcellona nella sesta ed ultima giornata della fase a gironi di Champions League.

I bianconeri hanno ancora la possibilità di arrivare primi nel gruppo G, ma dovranno battere i blaugrana con almeno tre gol di scarto visto che a Torino hanno perso 2-0. Servirà una vera e propria impresa per conquistare il primato e la Juventus tenterà il tutto per tutto per riuscire in ciò.

Al di là del primato in palio, Andrea Pirlo in conferenza stampa ha sottolineato come questa partita sia importante anche per la Juventus stessa. Il tecnico bianconero ha dichiarato che crede all’impresa e che questa partita sia importante anche in termini di crescita e di autostima: “Dobbiamo crederci sappiamo che sarà una partita difficile, perché ci sarà da soffrire, però sappiamo che avremo le nostre occasioni da sfruttare e non abbiamo nulla da perdere, quindi è giusto giocarci la partita a viso aperto sapendo gli errori fatti all’andata, ma sapendo le cose fatte bene di qualche settimana fa. Queste sono le partite da giocare per far crescere quello che abbiamo dentro e stiamo migliorando. La classifica è importante perché arrivare primi o secondi ti da qualcosa diverso a livello di sorteggio, però è più importante quello che mettiamo in campo domani e se faremo un’ottima gara”.

Pirlo ha poi avanzato come possa giocare Buffon domani al posto di Szczesny, affermando come il portierone bianconero abbia recuperato dai suoi problemi fisici. All’allenatore bianconero è stato poi domandato se veda il Barcellona in crisi alla luce degli ultimi risultati, ma Pirlo non pensa affatto che i blaugrana siano in difficoltà: Non credo alla crisi del Barcellona, perché abbiamo visto le partite hanno giocatori forti e un allenatore nuovo che sta dando le sue idee, avrà bisogno di tempo come noi alla Juventus, quindi non pensiamo che siano in crisi, sono un grande squadra”.

Per quanto riguarda le altre scelte di formazione, probabile ci sia Ramsey dal primo minuto con Pirlo che sottolineato come la sua intelligenza in mezzo al campo può essere utile domani. In difesa, a sorpresa, potrebbe riposare De Ligt con il tecnico bianconero che potrebbe optare per un 3-5-2 mascherato, abbassando gli esterni quando ci sarà da difendere.

Nelle ultime partite, la Juventus è andata spesso in difficoltà a causa di errori a livello mentale, di concentrazione. Questo è uno dei difetti che Pirlo vorrebbe cancellare nella sua squadra, come dichiarato dallo stesso allenatore in conferenza stampa, ma è sicuro che domani non ci saranno problemi: Non dovrebbe accadere, però è normale, perché siamo in un periodo particolare ci sono tanti viaggi e fanno fatica a recuperare e ogni tanto può capitare che qualche giocatore non sia tanto concentrato. Nelle partite come domani sera questo non capiterà sicuramente”.

Quello che non deve mai mancare, invece, a detta di Pirlo è il dna della Juventus che come si è visto contro il Torino ha fatto la differenza nella ripresa. Insomma, per l’allenatore bianconero la Juventus deve scendere sempre in campo con la voglia di portare a casa la vittoria: “Abbiamo avuto un atteggiamento completamente diverso tra il primo e il secondo tempo, quando porti in campo questo atteggiamento, quello da Juve e non deve mai mancare. Quando hai quello e abbini un gioco migliore allora i risultati possono dare fiducia e continuità. Il dna Juve non deve mai mancare

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Aspirante giornalista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese
Tutti i post di Danilo Servadei