Avellino: ridotta la penalizzazione

Fioccano le notizie positive in casa dell’Avellino. Dopo la salvezza raggiunta nell’ultimo turno, infatti, la squadra irpina si vede ridurre a due i punti di penalizzazione dalla Corte Federale d’Appello. E’ stato accolto quindi il ricorso dell’Avellino, presentato qualche settimana fa.

La decisione, arrivata nella giornata di oggi, della Corte Federale d’Appello, come si legge nel comunicato ufficiale, è stata quella di ridurre da tre a due i punti di penalizzazione alla Avellino, in merito alle vicende relative al calcio scommesse, abbassando l’ammenda del club irpino a 20 mila euro.

L’Avellino, grazie a questa riduzione, ha potuto concludere il campionato di Serie B a quota 50 punti. L’umore in casa della squadra irpina, dopo la salvezza conquistata ieri, è di certo aumentato dopo questa decisione della Corte Federale d’Appello.

Le buone notizie non sono però solo per l’Avellino. La Corte Federale ha deciso, inoltre, di ridurre a sei mesi la squalifica per il difensore del Genoa, Armando Izzo, coinvolto anche lui nello scandalo scommesse per omessa denuncia. All’epoca dei fatti, il giocatore giocava l’Avellino.

“Ora ho solo una voglia matta di ripartire, riprendermi tutto e raggiungere i miei sogni”. Così Armando Izzo ha commentato la notizia della riduzione della squalifica dai 18 mesi iniziali a 6 mesi, attraverso il suo profilo social. Il difensore non ha nascosto la sua contentezza per la squalifica.

Il difensore ha proseguito dicendo che per lui è stato un anno difficile, ma che ha sempre creduto che le cose, prima o poi, si sarebbero risolte. Ha sempre proseguito negli allenamenti e che, ora che le cose in parte si sono risolte, ha capito che le persone che ti vogliono bene sono quelle che ti rimangono accanto.

Si chiude così in maniera positiva per l’Avellino e Izzo una vicenda che, fino a pochi mesi fa, avrebbe potuto compromettere il futuro sia del giocatore che dalla squadra irpina.