Zenit-Juventus 0-1, Allegri: “Abbiamo giocato male, ma abbiamo vinto. Tutti possono migliorare”

L’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri ha parlato a Prime Video dopo la vittoria della sua squadra per 1-0 sul campo dello Zenit. Il tecnico soddisfatto dei tre punti ma non della prestazione offerta.

Terza vittoria in tre partite per la Juventus che batte 1-0 anche lo Zenit in Russia e si conferma al primo posto del gruppo H di Champions League.

I bianconeri hanno sbagliato molto dal punto di vista tecnico e l’atteggiamento molto difensivo della squadra russa ha complicato di molte le cose. Alla fine è servito un gol di Kulusevski a pochi minuti dalla fine per portare a casa un risultato importantissimo

Adesso alla Juventus basterà ottenere un pareggio sempre contro lo Zenit nel prossimo turno per ottenere la qualificazione agli ottavi di finale. Soddisfatto a metà Massimiliano Allegri che ai microfoni di Prime Video ha affermato come la prestazione non sia stata positiva: “C’è dentro il risultato che è ottimo perchè comunque dopo 3 partite abbiamo 9 punti, non abbiamo subito ancora gol e così abbiamo la possibilità tra 15 giorni di giocarci il passaggio del turno. Dall’altro non abbiamo fatto una bella prestazione, siamo stati un po’ lenti, loro ci rallentavano parecchio il gioco, abbiamo sbagliato molto tecnicamente. Direi una buona prestazione che ci consente di alzare un po’ l’attenzione per la partita di domenca”.

Allegri ha dichiarato poi come la Juventus debba migliorare dal punto di vista della fase di possesso. Il tecnico bianconero ha sottolineato come bisogna capire i momenti della partita ed evitare di regalare punizioni come quella concessa nel finale allo Zenit: “Bisogna migliorare la fase di possesso, soprattutto quando la palla arriva vicino all’area di rigore. Bisogna fare delle scelte migliori. Bisogna capire che alla fine sull’1-0 non possiamo prendere una punizione da 20 metri. Bisogna occupare bene il campo. Diciamo che è una prestazione giusta con un risultato ottimo”.

Oltre a migliorare in fase di possesso, Allegri ha anche affermato come si debba migliorare anche su quando la palla arriva tra le linee e migliorare i movimenti in queste situazioni, cosa che la Juventus ha fatto bene solo in parte questa sera.

La Juventus deve quindi migliorare la propria qualità di gioco ed un giocatore come Paulo Dybala sta mancando molto in questo senso. Allegri, però, non vuole alibi ed ha affermato che Dybala non è l’unico capace di dare qualità al gioco: “No, la possonod dare tutti, possono migliorare tutti, è una questione proprio di gestione della palla e di scelte. E’ normale che Paulo in quelle situazioni è un giocatore abile tra le linee, però devono migliorare Kulusevski, Bernardeschi, lo stesso Chiesa deve essere più bravo ad andare tra le linee, giocare meglio più pulito tecnicamente. Sicuramente bisogna lavorarci per migliorare”.

Ad Allegri è stata poi regalata una matrioska che simboleggia la famiglia e lui è il capo di questa famiglia che si chiama Juventus. Il tecnico bianconero, tuttavia, come ha affermato ieri nella conferenza stampa di vigilia, ha ribadito che non gli piace definirla la sua Juventus: “Non so cosa possiamo trovare, non mi piace dire che è la mia Juventus perchè non è la mia Juventus. Ho una rosa importante di giocatori, però bisogna migliorare molto. E oggi diciamo che le cose combaciano: abbiamo giocato male e abbiamo vinto, quindi questo può essere d’aiuto per la partita di domenica. Qui dentro speriamo ci siano due belle sorprese, anche tre. Alla fine dell’anno vediamo, anche un po’ prima”.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese e asiatico
Tutti i post di Danilo Servadei