Wolfsburg, il codice Labbadia: no a multe, sì a lavare piatti e tavole per i bad boys

Rivoluzione nel calcio tedesco, o meglio, in particolare al Wolfsburg.

Con la Bundesliga ai nastri di partenza-si comincia Venerdì 24 Agosto con i Campioni in carica del Bayern Monaco che ospitano l’Hoffenheim- si cominciano a vedere i primi segni del neo-insediamento al club della Wolkswagen del nuovo tecnico Bruno Labbadia, tedesco di nazionalità, nato a Darmstadt 52 anni fa, ma di chiarissime origini italiane-i genitori erano di Lenola, provincia di Latina.

Fonte account “Twitter” ufficiale del club VfL Wolfsburg

Il nuovo allenatore dimostra già la sua istrionica personalità, proponendo una via alternativa di disciplina dei cosiddetti bad boys, insomma dei giocatori dal carattere più difficile da gestire e quindi potenziali autori di ‘marachelle’: al di là delle solite multe che, diciamolo, al giorno d’oggi, molto spesso, con questo calcio così ricco finanziariamente parlando, non costituiscono uno scoglio così importante per la maggior parte dei giocatori al mondo, Labbadia propone una iniziativa interessante e bizzarra, quella cioè di punire eventuali azioni sgradite commesse dai giocatori  invitando gli stessi a svolgere compiti diciamo non proprio dilettevoli, come, ad esempio, lavare i piatti, apparecchiar e sparecchiare la tavola durante i pasti di gruppo, e dulcis in fundo fornire ai compagni le varie attrezzature da gioco durante gli allenamenti, altro compito che il tecnico ha definito “una cosa non proprio divertente” nella intervista rilasciata al celebre quotidiano tedesco Sport Bild, recente ma divenuta virale in pochissimo tempo, ripresa da moltissimi siti.

Una iniziativa ovviamente alternativa, sicuramente intrigante.  

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Salvatore Sabato

Informazioni sull'autore
Laureando in chimica industriale. Da sempre devoto alla cultura e al sapere. In generale, sapere, qualunque cosa, ritengo sia sempre importante. Una grande passione per il giornalismo. Anche - ma non solo - sportivo. Fiero di collaborare ormai da tempo a questo progetto.
Tutti i post di Salvatore Sabato