Voti e pagelle Juventus-Napoli 2-1: Ronaldo e Dybala salvano la panchina di Pirlo. I bianconeri ora sono terzi

Voti e pagelle Juventus-Napoli 2-1: i bianconeri battono i partenopei grazie a Ronaldo e Dybala e salgono al 3° posto, a +1 sull’Atalanta e a -1 dal Milan. Insigne rende solo meno amara la sconfitta per gli azzurri.

Termina 2-1 il recupero della 3° giornata di campionato tra la Juventus di Andrea Pirlo e il Napoli di Gennaro Gattuso. Grazie a questa vittoria i bianconeri scavalcano l’Atalanta al terzo posto in classifica e si portano a -1 dal Milan di Stefano Pioli. All’Allianz Stadium decidono le reti di Ronaldo nel primo tempo e Dybala ed Insigne nel secondo. Si interrompe, dopo 5 vittorie e 1 pareggio, la striscia di risultati utili consecutivi dei campani.

Voti e pagelle Juventus-Napoli, Supercoppa Italiana 20-01-2021
Voti e pagelle Juventus-Napoli 2-1, recupero 3° giornata Serie A 07-04-2021.

Voti e pagelle Juventus-Napoli 2-1: migliori e peggiori

MIGLIORI JUVENTUS

Chiesa 7: corre, dribbla e sforna assist; l’ex Fiorentina è, ora come ora, l’arma in più di questa Juventus che crede ancora nella Champions League. Al 13′ serve a Ronaldo la palla dell’1-0 e alla mezz’ora viene atterrato in area da Lozano che però viene graziato da Mariani. Imprendibile.

Cuadrado 6.5: come il collega sulla fascia opposta, anche il colombiano dimostra grande invettiva lanciandosi, in più di un’occasione, in azioni personali che per poco non portano al gol. Nel primo tempo è più ispirato che nel secondo, ma la sufficienza non è comunque in discussione. Pendolino.

Morata 6: tanta corsa e generosità al servizio della squadra. Lo spagnolo si conferma ancora una volta elemento imprescindibile per l’attacco bianconero che avrebbe forse meritato più delle sole due marcature. Perfetto.

PEGGIORI JUVENTUS

Alex Sandro 5: sul finire di primo tempo commette un fallo inutile su Zielinski che per sua fortuna Mariani non punisce col calcio di rigore. Si fa anche ammonire tanto per non farsi mancare niente. Insufficiente.

Chiellini 5: il fallo da rigore su Osimhen al 90′ che riapre la partita è assolutamente imperdonabile. Il capitano bianconero, fino a quel momento preciso e attento, commette un errore gravissimo che per sua fortuna non compromette la vittoria. La prossima volta con meno foga, Giorgio. Irruento.

Migliori e peggiori Napoli

MIGLIORI

Di Lorenzo 6.5: sempre propositivo sulla destra, è sicuramente, insieme a Zielinski, l’uomo più pericoloso del Napoli. Suo, al 48′, il primo tiro nello specchio dei partenopei. Instancabile.

Zielinski 6.5: sul finire del primo tempo Alex Sandro lo atterra vistosamente in area, ma Mariani non gli concede il calcio di rigore. Il polacco prova a fare qualcosa, ma la fortuna purtroppo non lo assiste. Inesauribile.

Insigne 6: un tiro nel primo tempo che finisce alto sopra la porta di Buffon e qualche “assist” che non va a buon fine. Il capitano azzurro non incide come nelle uscite precedenti, ma il 6 in pagella è comunque meritato. Trasforma, al 90′, il rigore del 2-1. Bene così.

PEGGIORI

Rrahmani 5.5: se Hysaj si fa saltare troppo facilmente da Chiesa, il kosovaro si dimentica di marcare Ronaldo che ringrazia per la libertà concessagli e, indisturbato, batte Meret per l’1-0. Non gioca male, ma la mancata marcatura sul portoghese è troppo grave per passare inosservata. Rimandato.

Lozano 5: un intervento rischioso su Chiesa e nulla più. Il messicano lascia il campo al 54′ in favore di Politano. Chi l’ha visto?

Hysaj 4.5: al 13′ Chiesa gli fa venire il mal di testa con una serie di dribbling dalla quale nasce il vantaggio di Ronaldo. Anche Cuadrado e Morata lo saltano praticamente sempre certificando come quello odierno non sarà un pomeriggio che l’albanese ricorderà piacevolmente. Birillo.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Nicola Patrissi

Informazioni sull'autore
Maturità scientifica. Laurea in Lettere e Filosofia (Indirizzo moderno). Appassionato di scrittura, fotografia e calcio.
Tutti i post di Nicola Patrissi