Volleyball Nations League femminile: l’Italia cede con onore agli USA

L’Italia rimedia un’altra sconfitta nella Volleyball Nations League femminile, stavolta per mano degli USA. Ma il 3-1 finale tradisce la buona prestazione offerta dalle nostre ragazze.

Ci sta perdere una partita, specie se hai di fronte alcune delle migliori giocatrici al mondo ed esci a testa alta dal campo. Quello che ha fatto l’Italvolley femminile, sconfitta 3-1 dalla corazzata statunitense nella Volleyball Nations League, ma autrice di una prestazione coriacea contro avversarie di ben altro spessore.

Le ragazze di Bregoli sono riuscite a strappare un set a Poulter e compagne, che finora hanno incantato per qualità e livello di gioco espresso nel corso di tutto il torneo. Le nostre ragazze dimostrano una crescita costante, partita dopo partita, e lasciano intravedere un’ultima settimana da assolute protagoniste.

Volleyball Nations League

Italia-USA, Volleyball Nations League: i sestetti

Bregoli conferma la diagonale Bosio-Nwakalor; Melli e D’Odorico in banda; Mazzaro e Lubian al centro e De Bortoli nel ruolo di libero.

Risponde Kiraly con la diagonale Poulter-Drews, Robinson e Bartsch in banda; Washington-Akinradewo al centro; Wong libero.

Primo set

Il primo set vive inizialmente una fase di punto a punto, con gli USA che conquistano il primo break in seguito ad un’infrazione di Nwakalor (6-8). Ancora l’opposta di Firenze viene murata a due per il 6-10 e Bregoli è costretto a fermare il gioco.

Gli USA mantengono il vantaggio grazie alla diagonale di Robinson (10-14), e allungano dopo un paio d’errori da parte di D’Odorico (10-16). Lubian, a muro, riporta le nostre a contatto (12-16), ma le americane hanno una marcia in più e volano sul 13-20 con un altro block, stavolta ad opera di Akinradewo.

Drews colpisce in parallela (15-22), mentre Washington consegna sette palle per chiudere il parziale alla propria squadra. La stessa centrale di Novara spreca il primo, ma Melli manda in rete il servizio e le statunitensi vincono il set (18-25).

Secondo set

Il secondo set si apre con un parziale di 4-0 delle americane dal quale le azzurre emergono prontamente grazie alle proprie attaccanti. Nwakalor firma il pareggio, a muro, mentre una diagonale di Melli permette alle azzurre di mettere la freccia (7-6).

Le americane riportano subito la situazione in equilibrio, poi piazzano un allungo importante con Bartsch a fare da mattatrice (9-12). Un pallonetto di Robinson fissa il punteggio sul 13-17, che diventa un 16-20 quando Drews mette a segno una diagonale stretta (16-20).

Ancora l’opposta, con la diagonale, fa +5 (17-22), e poi incide nelle fasi conclusive del set mettendo a segno la parallela decisiva del 21-25.

Terzo set

Il terzo set vede ancora le americane prendere il largo con Robinson brava a colpire in diagonale (3-7). Cambio palla due azioni dopo e Lubian va in battuta: l’ace del 6-8 permette alle azzurre di respirare. Ancora Bosio, dai nove metri, riporta le nostre ad un’incollatura (8-9).

Le ragazze di Kiraly sentono la pressione ma mantengono botta con la diagonale di Bartsch (9-11). Melli pareggia sul 12-12 con due diagonali consecutive, poi l’Italia si porta avanti grazie a un errore di seconda commesso da Poulter e a un bell’attacco di D’Odorico tra muro e rete (17-15).

Il muro funziona sulle centrali avversarie (20-16), e se Drews sbaglia in diagonale (22-16), è segno che le americane saranno costrette a cedere il set. Così avviene, infatti, quando un attacco di Mingardi, inizialmente giudicato out, viene corretto dal check (25-19).

Quarto set

Nel quarto parziale la squadra a stelle e strisce torna a martellare e si porta sul 5-10 con Bartsch. Mingardi ci prova con un mani out (8-12), ma l’ace dell’ex giocatrice di Novara scava un solco difficile da colmare (9-15).

Le ragazze di Kiraly gestiscono bene, colpiscono ancora al servizio, stavolta con Washington (10-17), e poi scappano definitivamente con un attacco in “pipe” della stessa Bartsch (14-21). Chiudere diventa una formalità e, dopo due punti consecutivi di Drews, provvede Poulter, con un ace, a regalare tre punti che permettono di consolidare il primato in classifica della nazionale statunitense.

Le nostre ragazze torneranno in campo sabato prossimo contro la Repubblica Dominicana. Perdere fa sempre male, ma questa sconfitta dà alle “azzurre” la consapevolezza di poter mettere in difficoltà chiunque.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus