Volley maschile, Finale Scudetto: Perugia riapre la serie

La “cura Atanasijevic”, che ha causato nei giorni scorsi l’allontanamento di coach Heynen dalla panchina umbra, ha funzionato. Il secondo allenatore Carmine Fontana, promosso alla guida della prima squadra, ha deciso di schierare l’opposto serbo fin dal primo punto.

La Sir Safety Conad Perugia oltre a ritrovare il suo capitano, riabbraccia finalmente anche Leon al massimo della sua condizione. Lo schiacciatore cubano ha terminato la partita con 38 punti a referto, guidando i suoi alla vittoria, con il punteggio di 2-3 (25-21, 21-25, 25-27, 25-23, 12-15).

Un tie-break che sta stretto invece alla Cucine Lube Civitanova. La coppia di banda cubana in particolar modo non brilla come al solito; Simon e Rychlicki (20 punti a testa) lottano senza riuscire a completare l’opera iniziata nel primo set.

Il racconto del match

Squadra che vince non si cambia, infatti Blengini manda in campo: De Cecco, Rychlicki, Juantorena, Leal, Simon, Anzani e Balaso. Dopo un’intera stagione Perugia schiera per la prima volta il Sestetto con la ‘s’ maiuscola: Travica, Atanasijevic, Leon, Plotnytskyi, Russo, Solè e Colaci.

Logo Superlega maschile volley

Primo set

L’mvp dell’ultimo incontro, Juantorena, comincia con l’ace del 2 a 0. Primo attacco e primo punto da seconda linea di Atanasijevic (3-2). Rychlicki manda fuori la sua schiacciata e Perugia si trova per la prima volta avanti (5-6). Arriva il doppio vantaggio per gli ospiti dopo una serie di attacchi efficaci di Leon (6-8).

Plotnytskyi subisce due volte consecutive il muro marchigiano (12-9) e viene sostituito da Ter Horst per la prima volta in campo nel suo ruolo. La pipe del capitano biancorosso vale il 14 a 10. Il massimo vantaggio per i padroni di casa arriva con l’errore del n.9 umbro in attacco (19-13).

Comincia a farsi sentire anche il gioco al centro in entrambi i campi: a Solè risponde Simon per il 22 a 17. L’opposto lussemburghese crea problemi alla ricezione avversaria e regala il set point ai suoi (24-19). Dopo tre set point annullati il servizio errato di Zimmermann regala il primo parziale ai cucinieri.

Secondo set

Solè apre il parziale con un monster block contro il pari ruolo cubano e si ripete per l’1 a 3. Leon mette la firma sui due ace consecutivi che permettono l’allungo della Sir (3-7). Simon trasforma la difesa di De Cecco in un’alzata nel punto del -2 (8-10). Atanasijevic va a segno con il pallonetto del 9 a 14.

Dopo il mani fuori di Russo, arriva un primo tempo del centrale argentino (12-18). Con un insolito errore di Juantorena da posto 4, i punti di vantaggio degli umbri diventano 7 (13-20). Ma il capitano biancorosso si fa perdonare con l’ace del 16 a 21.

Rychlicki regala il punto n.24 a Perugia con un servizio sbagliato ma annulla il primo set point avversario da posto 2 (20-24). Ma è un altro errore dalla linea dei nove metri, questa volta di Leal, a consegnare il punto n.25 agli ospiti.

Terzo set

Travica rientra in campo piazzando l’ace valevole per lo 0 a 3. La Lube si riavvicina con il punto diretto in battuta di Simon (2-3). I block Devils tornano avanti di 3 punti con la pipe di Leon (4-7). Juantorena dopo un inizio di set complicato si rifà con l’ace dell’8 a 10.

Risulta molto efficace il palleggio lungo di Plotnytskyi a cui si aggiunge il punto diretto al servizio del compagno cubano per il 9 a 14. La rimonta della Lube passa dai quattro punti consecutivi in attacco di Rychlicki (13-16). Con gli attacchi di Leon, la Sir mantiene i 5 punti di vantaggio (16-21).

Solè manda fuori il primo tempo e al secondo tentativo viene ‘stampato’ dal capitano biancorosso (22-23). La banda ucraina non riesce a gestire una brutta alzata e il parziale si decide ai vantaggi grazie ad un ottimo turno al servizio del neoentrato Diamantini. Il n.17 umbro si fa perdonare con i due ace che consegnano il set a Perugia.   

Quarto set

I Block Devils tornano in campo e riprendono dal punto in cui avevano terminato ma questa volta Civitanova riesce a reagire. I due muri consecutivi di Simon valgono il 5 a 3. Il muro a tre marchigiano ferma l’attacco della banda avversaria e i punti di vantaggio diventano 5 (8-3).

Rychlicki impreziosisce la sua ottima prestazione con l’ace del 12 a 5. Anche De Cecco va a segno dai nove metri per il 16 a 10. La Sir si affida totalmente al suo n.9, efficace sia da posto 2 che da 4, per tentare la rimonta. Solè, dopo un primo tempo a segno, viene aiutato in battuta dal nastro per il punto del 22 a 19.

Dopo una murata, Simon mette la firma sul primo tempo del 23 a 20. Leon con un ace annulla un set point (24-23); ma sbaglia il servizio successivo che vale il tie-break per la Lube.

Quinto set

Uno scambio lunghissimo, immagine di tutto l’incontro, viene chiuso dalla diagonale di Leon (1-3). La parallela di Atanasijevic vale il doppio vantaggio per la Sir (5-3). Il capitano umbro manda le squadre al cambio campo con un monster block sull’opposto avversario.

Russo aiutato dal nastro firma l’ace del 5 a 9. Dopo un altro scambio molto lungo, Diamantini chiude la palla slash del 7 a 9. Solè con il piede commette fallo di invasione e il gioco torna sul 9 pari.

Plotnytskyi in un momento critico mette a segno due ace che mandano Perugia sull’11 a 13. È la banda cubana della Sir a prendersi l’impegno di mettere a terra l’attacco che vale la partita.   

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus