Volley, risultati playoff Scudetto Serie A1 femminile: Conegliano e Novara vincono ancora

Le squadre di Santarelli e Lavarini vincono contro Scandicci e Monza, dimostrando di avere una marcia in più. Le piemontesi faticano di più, ma la spuntano al tie-break.

Vincono sempre Conegliano e Novara: ad animare il duello a distanza tra le due eterne rivali del campionato italiano, è la duplice affermazione in gara uno delle semifinali Scudetto. Due vittorie dai contorni ben diversi, ma che hanno messo ancora una volta in risalto la superiorità, tecnica e caratteriale, di queste formazioni. Conegliano ha letteralmente spazzato via Scandicci con un netto 3-0 (25-23; 25-16; 25-14), ottenendo non solo la sessantesima vittoria consecutiva, cifra stratosferica, ma anche la possibilità di gestire la gara di ritorno partendo da un vantaggio psicologico, da una sensazione di superiorità, non indifferente. Diverso il discorso per Novara, che supera Monza solo al tie-break (25-21; 23-25; 25-17; 23-25; 15-10), e dovrà lottare di più per conquistarsi l’agognato traguardo.

Sarà ancora Conegliano-Novara l’atto finale del campionato di volley femminile? Per saperlo con esattezza bisogna aspettare sabato 10 aprile, data in cui si disputerà gara 2. Per ora, godiamoci due delle squadre più forti dell’intero panorama internazionale.

Conegliano-Scandicci 3-0

Tutto facile per le campionesse d’Italia, che si impongono su Scandicci con il minimo sforzo. Prova da grande squadra delle venete, con Wolosz che riesce a far girare bene tutte le proprie attaccanti, quasi tutte in doppia cifra: Egonu (top scorer con 15 punti), Hill (14), De Kruijf (12), Fahr (11), Sylla (7). Alle toscane manca invece l’apporto delle laterali, con Pietrini e Vasileva che segnano otto punti in due, mentre Stysiak si spinge appena fino a quota 10. Se a ciò si aggiunge che nel momento decisivo del primo set viene a mancare anche il fondamentale che sta funzionando meglio, con Lubian che spara in rete la battuta del potenziale 24 pari, si intuisce quale possa essere stato l’andamento del match.

Conegliano l’ha dominato dall’inizio alla fine e, dopo aver vinto il primo set, si è subito guadagnata un break di cinque punti con la diagonale di Hill (10-5). Vantaggio destinato a crescere sotto i colpi di De Kruijf (fast del 14-8) ed Egonu (ace su Pietrini per il 16-8). Scandicci, doppiata e stordita, non ha avuto la forza di reagire, subendo inerme l’assolo gialloblù. mentre Hill gioca sulle mani del muro (18-10), De Kruijf trova ancora l’attacco in fast (19-11). Così la squadra veneta imbocca il rettilineo finale del set, aiutata dall’errore di Pietrini in diagonale (23-13) e sospinta ancora da De Kruijf, innescata in primo tempo da De Gennaro (25-16).

Ultimo set, ultima chiamata per Scandicci, che comunque si ritrovava sotto 7-3 dopo il muro di Wolosz su Stysiak, poi dilagava con Egonu (muro su Bosetti per l’11-4) e Hill (attacco da posto tre per il 12-4).

Barbolini chiama timeout, ma è Santarelli a dare lezioni di mental coaching, spronando le sue ragazze quasi stessero perdendo. Un saggio sul modo di stare in panchina, che sortisce l’effetto sperato: le “Pantere”, galvanizzate dal proprio coach, allungano fino al 20-7 (mani out Egonu), prima che un errore in battuta interrompa la serie. Poco male, perché Hill e Adams, in pallonetto, portano il parziale sul 23-10. A chiudere i conti, con 10 match point a disposizione, è la neoentrata Butigan, con l’attacco in fast.

Novara-Monza 3-2

Più combattuta la sfida del Palaigor, fra una Novara e una Monza che, forse consce del proprio destino, hanno provato a gustarsi fino in fondo il primo capitolo della loro “finale”. Con una Conegliano così, infatti, pare legittimo aspirare solo al titolo di vicecampioni. Un titolo cui Novara tiene particolarmente e lo dimostra nel primo set, condotto per gran parte in vantaggio e deciso da una fiammata nel finale, sul 22-20, quando l’errore di Heyrman in fast e il cinismo di Dalderoop fissano il risultato sul 25-21.

Monza reagisce immediatamente e in avvio di secondo parziale trova un break spaventoso, con Heyrman che mura Chirichella per l’1-10. Novara rientra in campo dopo il secondo timeout e, trascinata da Bosetti, rosicchia qualcosa. Il vantaggio brianzolo sembra incolmabile, ma l’ace di Dalderoop, il pallonetto di Bosetti e ancora Washington dai nove metri rimettono l’Igor in carreggiata (15-17).

Monza risponde a tono con la fast di Heyrman (18-20), poi prova la fuga dopo l’errore di Smarzek in diagonale (18-22). Washington spicca due volte a muro, Meijners sbaglia un lungolinea, e Novara è di nuovo a contatto (21-22). Le fasi calde del set vengono decise ancora da errori, stavolta di Novara, che non difende un pallone con Smarzek e Washington rimaste ferme a guardare (22-24). L’ultimo punto è firmato Van Hecke, con la parallela.

Nel terzo set, dopo una fase di punto a punto, Novara trova un nuovo allungo decisivo sul 21-16 (Smarzek sfrutta una slash di Ortmhann). Dalderoop e Washington si dividono equamente gli ultimi punti, con l’olandese che chiude grazie a un mani-fuori (25-17).

Il quarto parziale sembra sorridere a Novara, che vola sul 17-13 grazie a un muro di Bosetti su Van Hecke. Monza reagisce, ritrova certezze a muro, e ferma Dalderoop con Danesi (17-16). Ancora Danesi si fa sentire su Smarzek (19-17), poi Begic trova il pari con un mani-out (20-20). Monza scappa avanti di tre con il mani out di Van Hecke (20-23), che in diagonale si guadagna tre set point (21-24). Novara ne annulla due, ma cede al colpo di Heyrman (23-25 con la fast).

Al tie-break solita guerra di nervi, dove a prevalere sono la classe e l’esperienza di Bosetti: suo il punto decisivo del 15-10 con un potente diagonale tra le mani del muro. Fra quattro giorni sarà tutta un’altra storia, ma per ora Conegliano e Novara si tengono stretto il ruolo di favorite.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al DepositoBonus Scommesse fino a 215€

SNAI

Bonus 15€ Gratis alla RegistrazioneBonus 100% fino a 300€ sul primo deposito

Starcasino Scommesse

Fino al 300% Bonus Multipla ScommesseBonus Fino a 1000€