Video gol-highlights Cagliari-Inter 1-3: sintesi 13/12/2020

Video gol-highlights Cagliari-Inter: vincono i nerazzurri 1-3 con gol di Barella, D’Ambrosio e Lukaku.

L’Inter vince 3-1 a Cagliari, ma non convince pienamente nella prestazione messa in campo. I nerazzurri giocano un ottimo primo tempo e meritano a più riprese il vantaggio, non fosse per un Cragno che si conferma il portiere più in forma del nostro campionato.

Dopo essere passata in svantaggio sul finire del primo tempo, la squadra di Conte approccia male la ripresa e non riesce mai a rendersi pericolosa. Il mister salentino deve ringraziare Barella, un gol e un assist per lui, che sovverte le sorti del match grazie a due giocate individuali.

Cagliari-Inter: la sintesi della partita

È l’Inter a controllare la gara nel primo tempo: dopo una prima fase di studio, i nerazzurri cominciano ad affacciarsi regolarmente nella trequarti avversaria e creano azioni in serie.

La prima è propiziata da un errore di Carboni che, in disimpegno, finisce per servire Lukaku. Il belga entra in area e attende forse troppo per calciare a rete, fatto sta che Cragno gli sbarra la strada con un grande intervento.

È solo il primo dei tanti duelli ingaggiati dall’estremo difensore sardo contro gli avanti nerazzurri. Poco dopo è ancora Lukaku a trovare la porta chiusa per il suo diagonale, dopo essere stato ottimamente smarcato sulla sinistra da Sanchez.

Lo stesso Sanchez rimane incredulo quando il suo colpo di testa, da distanza ravvicinata, viene respinto con i piedi dal classe ’95.

Il Cagliari appare in completa balia degli avversari e si affida solo agli spunti di Joao Pedro per velocizzare un po’ la propria manovra e aprire spazi sulla trequarti avversaria.

I pericoli creati dalla squadra sarda si riducono però a un tiro pretenzioso di Rog che finisce abbondantemente alto sulla traversa.

Gli uomini di Di Francesco sono costretti sulla difensiva dal giro palla prolungato dell’Inter che però, come sempre, mostra di avere un gioco troppo prevedibile.

La sfera perviene spesso a Darmian che spinge e lo fa anche discretamente. Un suo cross trova libero Barella che, in rovesciata, manda la palla alta sulla traversa.

I nerazzurri pagano però lo scarso coinvolgimento di Eriksen nella manovra. Il danese è costretto ad abbassarsi troppo, gioca quasi da playmaker basso, e non riesce a supportare la squadra nello sfondare centralmente.

A ciò si aggiunge una prestazione completamente sottotono di Perisic (sostituito da Hakimi all’intervallo), mai preciso nei suoi passaggi ai compagni, e capace di divorarsi l’unica occasione da gol avuta con un diagonale impreciso che finisce largo.

Come nella più classica delle partite “stregate” l’Inter subisce anche il gol dello svantaggio nell’unica occasione avversaria: Sottil raccoglie una respinta e disegna una splendida voléé che va a morire dolcemente sul palo più lontano della porta difesa da Handanovic.

Il Cagliari avrebbe anche l’opportunità di raddoppiare nel finale, ma Pavoletti, favorito da una deviazione di Zappa, non è abbastanza reattivo per sorprendere Handanovic da pochi passi.

Nel secondo tempo ci si aspetterebbe un’Inter subito decisa ad aggredire l’aversario e invece è il Cagliari a gestire il possesso palla, rendendosi pericoloso con un paio di traversoni anticipati da Handanovic.

Per avere un primo squillo da parte dei nerazzurri bisogna attendere l’ingresso di Young, che ci prova con un tiro dalla sinistra, deviato ancora da un Cragno in formato super.

Conte inserisce Sensi al posto di un Eriksen mai nel vivo del gioco, ma la prestazione dell’ex Sassuolo si riduce a un tiro sparato alto sul cross dalla destra di Hakimi e ad un sinistro che finisce di poco fuori.

Neanche l’ingresso di Lautaro per Bastoni, e il passaggio a un più offensivo 4-3-3, riescono a dare il giusto impulso alla squadra nerazzurra. È anzi il Cagliari a rendersi ancora pericoloso con un tiro di Joao Pedro, servito sulla corsa da Cerri, che viene bloccato a terra da Handanovic.

La gara sembra incanalata verso una vittoria per i padroni di casa, ma il pareggio arriva grazie a Barella, con un’altra grande conclusione al volo dalla distanza che sorprende l’incolpevole Cragno.

È il classe ’97 l’uomo del match, dacché dai suoi piedi parte il cross decisivo che pesca D’Ambrosio solo in area: il 33 svetta e supera di testa un Cragno in ritardo, ingannato, forse, dalla traiettoria velenosa del traversone.

Nel finale di gara il Cagliari prova a trovare il pareggio, ma Cerri non riesce ad intervenire su un cross dalla sinistra di Carboni.

Anche l’Inter crea un paio di azioni pericolose per arrotondare il risultato. Ci riesce Lukaku, in contropiede, con Cragno abbondantemente fuori dai pali. Alla fine ciò che conta sono i tre punti. La squadra di Conte merita tutto sommato il successo per quanto fatto vedere nel primo tempo, ma il mister salentino deve riflettere sull’effettivo impatto delle sostituzioni che, a nostro avviso, non hanno realmente cambiato l’inerzia della gara.

Video gol e highlights Cagliari-Inter

Cagliari-Inter: il tabellino della partita

Cagiari-Inter 1-3: 42′ Sottil (C), 77′ Barella (I), 83′ D’Ambrosio (I), 90+3′ Lukaku (I)

Cagliari (4-2-3-1): Cragno; Faragò (Klavan 67′), Walukiewicz, Carboni (Simeone 88′), Lykogiannis; Marin, Rog; Zappa, Joao Pedro, Sottil (Nandez 67′); Pavoletti (Cerri 74′). Allenatore: Di Francesco.

Inter (3-4-1-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni (Lautaro 72′); Darmian (Young 58′), Brozovic, Barella, Perisic (Hakimi 45′, D’Ambrosio 81′); Eriksen (Sensi 58′); Lukaku Sanchez. Allenatore: Conte.

Arbitro: Fabrizio Pasqua (Tivoli)

Ammoniti: Faragò (C), Darmian (I), Pavoletti (C)

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus