Ufficiale: divieto di multiproprietà prorogato al 2028

Serie A, la FIGC concede proroga alla doppia proprietà: chi possiede due squadre professionistiche, potrà conservare la propria carica sino al 2028. Esteso di tre anni il precedente limite.

La FIGC ha posticipato il divieto della multiproprietà di club professionistici all’inizio della stagione 2028-29. La governance del nostro calcio si batte da oltre un anno su questo fronte, necessario per evitare altri casi Salernitana, club che Lotito, già patron della Lazio, ha dovuto cedere a campionato in corso, e che è stato vicino all’orlo dell’esclusione dallo stesso sino a fine 2021.

Oggi, la Lega Calcio ha concesso una proroga a quanto stabilito inizialmente nell’articolo 16 bis delle NOIF (Norme Organizzative Federali Interne). L’articolo fissava all’inizio della stagione 2024-25 il termine ultimo per la soppressione delle multiproprietà all’interno del calcio professionistico. Ora, tale limite è stato spostato alla stagione 2028-29.

sorteggio calendario Serie A

Come ricorda Sky Sport, i casi di multiproprietà sono attualmente due: Aurelio De Laurentiis possiede Napoli (Serie A) e Bari (Serie B). Maurizio Setti possiede Hellas Verona (Serie A) e Mantova (Serie C). Proprio De Laurentiis, tra i maggiori sostenitori dello “status quo”, ha accolto la decisione come “Un atto di buonsenso” da parte della governance calcistica.

Il produttore cinematografico, che presiede il Bari nella persona del figlio Luigi, ha inoltre fatto sapere che rinuncerà ad intraprendere qualsiasi azione legale nei confronti della Federcalcio, essendosi dichiarato invece pronto a collaborarvi, per aprire un nuovo capitolo del calcio italiano. Nuovo capitolo cui si potrà accedere anche grazie alla mediazione del presidente Gravina, artefice, con i De Laurentiis, del compromesso che eviterà alla FIGC beghe legali:

È stata sancita la fine delle multiproprietà nel calcio italianole parole di Gravina – Abbiamo ricevuto nelle ultime settimane la proposta di Napoli e Bari di abbandonare qualsiasi controversia legale in corso purché venga spostata in avanti dal 2024/25 all’inizio del campionato 2028/29 l’entrata in vigore della norma transitoria. Il Consiglio ha approvato all’unanimità”.