Ufficiale, addio Bayern Monaco: Xabi Alonso si ritira al termine della stagione

Il centrocampista spagnolo ha annunciato la sua decisione di appendere le scarpette al chiodo al termine di questa stagione

La stagione 2016-2017 non sarà facile da dimenticare e segnerà la fine di un’era. Dopo Philippe Lahm, un altro fuoriclasse del calcio internazionale e del Bayern Monaco ha deciso di ritirarsi al termine della stagione. Si tratta di Xabi Alonso, uno dei giocatori più vincenti della storia del calcio. 

Il centrocampista spagnolo ha annunciato la sua decisione di appendere le scarpette al chiodo tramite un tweet dal proprio account di Twitter con una sorta di dedica al calcio e all’amore per questo meraviglioso sport: 

L’ho vissuto. L’ho amato. Addio bellissimo gioco

Questo, invece, è il comunicato ufficiale apparso sul sito del Bayern Monaco: 

Davvero un grande addio! Xabi Alonso ha annunciato che finirà la sua carriera a fine stagione.

“Non è stata una decisione facile, ma credo che sia il momento giusto. Ho sempre voluto uscire il più presto possibile. Mi sento ancora bene, ma penso che sia il momento giusto “, ha detto lo spagnolo in diretta FC Bayern.tv . “Volevo finire la mia carriera al più alto livello e la Baviera è il livello più alto. Sono molto orgoglioso e felice di giocare per il Bayern e di far parte di questa famiglia. “

“Il Bayern ringrazia un grande giocatore e una persona che ha ben rappresentata Bayern dentro e fuori dal campo. Xabi Alonso è uno dei grandi del calcio mondiale. Ha ha vinto tutto nella sua carriera quello che c’è da vincere. Egli è anche una personalità eccezionale, un gentiluomo del calcio “, ha detto il CEO Karl-Heinz Rummenigge.

Parole al miele per Xabi Alonso, che ha scritto pagine indelebili della storia del calcio. La sua carriera è iniziata nel 1999 con la Real Sociedad, poi una piccola avventura in prestito all’Eibar prima del grande salto di qualità al Liverpool, con cui ha vinto la storica Champions League del 2005 nella finale di Istanbul contro il Milan, una rimonta che rimarrà nella storia. 

Dopo aver vinto anche una FA Cup, una Community Shield e una Supercoppa Uefa con i Reds, nel 2009 il passaggio al Real Madrid, con cui, in cinque anni, tra Manuel Pellegrini, Josè Mourinho e Carlo Ancelotti in panchina, Xabi Alonso si è tolto le prime grandi soddisfazioni, come la vittoria della Liga, due Copa del Rey, una Supercopa del Rey e l’accoppiata costituita dalla Decima e dalla seconda supercoppa. 

Con il suo arrivo a Monaco di Baviera, Pep Guardiola ha voluto fortemente lo spagnolo con sé al Bayern Monaco nel 2014. Con il club tedesco, infine, il centrocampista spagnolo è stato capace di conquistare due Bundesliga, una DFB Pokal, una DFL Supercup, in attesa di conoscere la fine di questa stagione, visto che i bavaresi sono ancora in lotta su tutti i fronti con Ancelotti in panchina. 

Ma l’apoteosi della carriera di Xabi Alonso è stata sicuramente con la maglia della Spagna, visto che ha rappresentato al meglio la nazionale nei suoi anni d’oro con i ct Luis Aragones e Vicente Del Bosque vincendo i due Europei vinti in Austria e Svizzera nel 2008 e in Polonia e Ucraina nel 2012, oltre allo storico Mondiale in Sudafrica nel 2010 e un bronzo nella Confederations Cup del 2009. 

Benito Letizia

Informazioni sull'autore
Direttore di Stadiosport. Giornalista Pubblicista, Laureato in Lettere Moderne e Filologia Moderna presso l’Università Federico II di Napoli. "Il calcio è vita".
Tutti i post di Benito Letizia