Terza clamorosa indiscrezione sulla Juventus: accordo Allegri-PSG!

Continuano ad arrivare notizie clamorose sull’allenatore livornese.

Dal tardo pomeriggio di ieri, stanno letteralmente impazzando le notizie sul possibile addio di Allegri alla Juventus al termine di questa stagione, con l’approdo a Torino di Antonio Conte. Altre notizie, invece, affermano l’esatto contrario, ovvero che non ci sia stata alcuna rottura tra il tecnico livornese ed il club bianconero, con Conte che sarebbe destinato all’Inter al posto di Spalletti ed altre ancora che parlano addirittura di rinnovo del contratto per Allegri, cosa che i tifosi juventini non vedrebbero di buon occhio.

Nelle ultime ore, però, è arriva l’ennesima indiscrezione clamorosa: ci sarebbe l’accordo tra il PSG ed Allegri! Non soddisfatta del lavoro di Tuchel, soprattutto per quanto riguarda il cammino europeo, la dirigenza parigina è molto interessata al tecnico bianconero ed è pronta ad offrire tanto pur di portarlo a Parigi. Allegri, che al momento guadagna 7,5 milioni di euro sulla panchina bianconera, si vedrebbe raddoppiare l’ingaggio, con il PSG che gli offrirebbe 15 milioni di euro netti a stagione, oltre alla possibilità di allenare un parco giocatori davvero niente male.

Se ieri si vociferava di questa offerta, oggi si parla addirittura di accordo fatto tra il tecnico livornese ed il club parigino, con la Juventus che dovrebbe rescindere consensualmente il contratto con il proprio allenatore. Nonostante la Juventus abbia smentito rotture con Allegri, sembra essere arrivato il momento della separazione dopo cinque anni di successi ed anche di dolorose sconfitte. Nel caso in cui Allegri lascerà la Juventus, il club bianconero è pronto a sondare qualsiasi pista: il sogno di Andrea Agnelli si chiama Pep Guardiola.

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese e asiatico
Tutti i post di Danilo Servadei