Tennis, WTA: si gioca a Strasburgo, avanzano Svitolina e Rybakina

Ultima tappa prima del Roland Garros e il circuito femminile WTA si ferma a qualche chilometro di distanza, a Strasburgo per un evento utile per scaldare ulteriormente i motori.

Avanza ai quarti di finale la testa di serie numero due, deludente nell’esperienza romana, Elina Svitolina che, ancora senza brillare, ha avuto la meglio, salvando pure un set point nel secondo parziale, della polacca Magda Linette (7-6 7-5), in quasi due ore di gioco.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Strappa il suo pass per i quarti di finale anche la giovane kazaka Elena Rybakina, un po’ calata in questa seconda parte di 2020, dopo la lunga sospensione che ne ha, probabilmente, frenato l’ascesa, comunque vincente, ieri, contro la francese Alize Cornet (6-3 7-6) in un match molto tirato.

Già ai quarti anche la cinese Shuai Zhang, proveniente dalle qualificazioni e a segno, ieri, in due set, contro la giovanissima wild card francese Clara Burel (6-3 7-6), ed ora prossima avversaria proprio di Rybakina.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Infine, vittoria in due set anche per la svizzera Jil Teichmann che, dopo aver sorpreso al primo turno la giovane statunitense Amanda Anisimova, si è ripetuta anche contro la più esperta Anastasia Pavlyuchenkova (7-6 7-5), sconfitta in quasi due ore di partita.

Quest’oggi, esordio nel torneo per l’olandese Kiki Bertens, opposta alla lettone, ex top ten e campionessa del Roland Garros 2017, Jelena Ostapenko in un incrocio senz’altro affascinante, inoltre torneranno in campo Aryna Sabalenka ed Ekaterina Alexandrova, testa di serie numero quattro e numero sette, rispettivamente contro Anna Blinkova e Katerina Siniakova.

QUI, il tabellone completo del torneo WTA International di Strasburgo.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini