Tennis, WTA Palermo: trionfa Fiona Ferro nel primo evento dopo la sospensione

Fiona Ferro a Palermo è la prima campionessa di un torneo in seguito alla sospensione dei circuiti internazionali per l’emergenza sanitaria legata al Coronavirus.

La tennista francese è stata protagonista di una settimana incandescente nella quale, partita senza i favori del pronostico e senza nemmeno essere coinvolta nel lotto delle teste di serie, ha sbaragliato la concorrenza fino alla vittoria.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale Palermo Ladies Open)

Dopo aver lasciato le briciole all’esordio alla qualificata argentina Nadia Podoroska, Ferro ha liquidato la testa di serie numero 8 Ekaterina Alexandrova prima di far fuori, una dopo l’altra, le due azzurre Sara Errani e Camila Giorgi.

In finale la ventitreenne nativa di Libramont, in Belgio, ma francese a tutti gli effetti, ha piegato in due set la resistenza della numero 4 del tabellone e numero 22 del mondo Anett Kontaveit (6-2 7-5), rea di aver mancato, sul 5-3 del secondo parziale in suo favore, la possibilità di trascinare l’incontro sulla distanza modificandone potenzialmente l’esito.

Per Ferro si tratta del secondo titolo in carriera dopo quello conquistato lo scorso anno, sempre sulla terra rossa, a Losanna e con questo risultato, per la prima volta, farà il suo ingresso tra le primo 50 giocatrici del mondo.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale Palermo Ladies Open)

Malgrado la sconfitta Kontaveit, invece, può comunque consolarsi con una settimana positiva ed un buon torneo disputato che la condurrà nuovamente tra le prime 20 tenniste del mondo, esattamente alla posizione numero 20.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini