Tennis, WTA Linz: Sabalenka conquista l’ultimo torneo dell’anno, terzo titolo in stagione

Aryna Sabalenka conquista il WTA International di Linz, l’ultimo torneo della stagione al femminile, ridimensionata per numero di eventi, sospesa per lunghi mesi e decisamente martoriata in questo autunno solitamente caratterizzato dalla tournée asiatica.

La tennista bielorussa, numero dieci del mondo, prima testa di serie nel torneo austriaco, ha conquistato il titolo grazie alla vittoria, in due set, sull’amica e compagna di doppio Elise Mertens (7-5 6-2), numero due del seeding, in una finale avvincente soprattutto nel primo parziale.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Dopo aver dissipato più e più chance, Sabalenka si è ritrovata per prima sotto di un break, sul 4-5, in risposta per evitare di perdere il parziale ma, da questo momento, ha acceso la concentrazione e il suo tennis travolgente, sempre in spinta, limitando gli errori, per inanellare tre giochi consecutivi e far suo il set.

Da qui in avanti per la tennista bielorussa, classe 1998, è stata ordinaria amministrazione portando a nove la striscia di vittorie consecutive dopo il successo nel Premier di Ostrava, e conquistando così il terzo titolo dell’anno, l’ottavo in carriera.

Con ben otto titoli in bacheca ad appena ventidue anni, tra cui due trofei Premier 5 a Wuhan e il WTA Elite Trophy a Zhuhai, Sabalenka sarà attesa, nel prossimo imminente 2021, da un deciso salto di qualità negli slam dove vanta, fin qui, soltanto un ottavo di finale, due stagioni fa, a New York, troppo poco per una destinata a grandi cose.

FINALE WTA INTERNATIONAL LINZ

(1) ARYNA SABALENKA B. (2) ELISE MERTENS 7-5 6-2

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini