Tennis, WTA Abu Dhabi: avanzano Svitolina e Rybakina, clamorosa sconfitta per Pliskova

Alcune conferme importanti ed una clamorosa sorpresa hanno caratterizzato il quarto giorno di gare nel primo torneo femminile dell’anno, il WTA 500 di Abu Dhabi sui campi in cemento degli Emirati Arabi.

Continua spedita la corsa della numero due del tabellone Elina Svitolina, già campionessa due volte negli Emirati Arabi ma nel tradizionale evento di Dubai, che, dopo aver regolato Jessica Pegula all’esordio, ha lasciato appena cinque giochi alla russa Vera Zvonareva (6-4 6-1).

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Prosegue senza intoppi anche la corsa della giovane kazaka Elena Rybakina, numero 19 del mondo e appena classe 1999, che in due set ha regolato Xiyu Wang (6-4 6-4).

Clamorosa sconfitta invece per l’ex numero uno del mondo Karolina Pliskova che, in ottanta minuti di gioco, ha ceduto alla qualificata russa, numero 292 del mondo, Anastasia Gasanova (6-2 6-4), al primo main draw del tour maggiore della carriera.

Avanzano agli ottavi di finale anche la due volte campionessa slam Garbine Muguruza e la greca Maria Sakkari, la prima vincente contro la bielorussa Aliaksandra Sasnovich (6-1 6-4), la seconda, invece, nuovamente a segno, come nell’unico precedente dello scorso anno, sulla giovanissima Cori Gauff (7-5 6-2).

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Infine, spreca un cospicuo vantaggio ma poi recupera bene dall’1-3 sotto nel terzo e decisivo set, la promettente ucraina Marta Kostyuk, classe 2002, a segno contro la ben più esperta Su Wei Hsieh (6-3 6-7 6-3).

Migliori Bookmakers AAMS

Sito scommesseCaratteristicheBonusVai al sito
Eurobet10€ Bonus Scommesse al DepositoBonus Scommesse fino a 215€ Vai al sito
SNAIBonus 15€ Gratis alla RegistrazioneBonus 100% fino a 300€ sul primo deposito Vai al sito
Starcasino ScommesseFino al 300% Bonus Multipla ScommesseBonus Fino a 1000€ Vai al sito

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini