Tennis, ATP Finals Londra: Thiem è il primo semifinalista, fuori Rublev

Due set di altissima intensità, un tie break decisivo al terzo set, un doppio fallo velenoso e così la terza giornata delle ATP Finals di Londra consegna già i suoi primi verdetti.

THIEM VOLA IN SEMIFINALE, MATCH SHOW CON NADAL

Dominic Thiem è il primo semifinalista del torneo in seguito alla vittoria, nel pomeriggio, contro Rafael Nadal e al successo, in serata, di Stefanos Tsitsipas contro Andrey Rublev con l’aritmetica eliminazione di quest’ultimo.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Nel primo incontro di giornata, Dominic Thiem, finalista dell’ultima edizione, ha ottenuto la sesta vittoria in carriera, la seconda in questo 2020, ai danni di Rafael Nadal (7-6 7-6), questa volta in due tie break, in quasi due ore e mezza di gioco, ad una intensità spettacolare.

In un primo set, nel quale nessuno dei due ha concesso una sola palla break, Thiem ha annullato due set point, nel tie break, prima di scagliare un paio di diritti travolgenti per chiudere in suo favore un parziale estenuante, ricco di vincenti e colpi sensazionali.

Nel secondo, invece, il primo break dell’incontro lo ha registrato Nadal salvo poi subire l’immediata dirompente reazione dell’austriaco che, riequilibrato il punteggio, si è issato 0-40 nel decimo gioco con tre match point a favore.

Ma Nadal ha dimostrato una volta di più, in quell’occasione, il campione che è e con cinque punti consecutivi, sempre in spinta, uno più bello dell’altro, ha rimesso in parità il parziale prima di ritrovarsi ancora una volta al tie break.

Tra Melbourne e Londra, tra il precedente ad inizio anno e quello di ieri, Thiem aveva conquistato gli ultimi quattro tie break disputati contro Nadal e, un’altra volta nel momento di massima tensione, ha trovato la soluzione a suon di coraggio e vincenti chiudendo in suo favore anche quello del secondo set, il quinto consecutivo.

TSITSIPAS SI SALVA, ORA SFIDA DA DENTRO O FUORI CON NADAL

In serata, invece, è arrivato il successo del campione uscente, Stefanos Tsitsipas su Andrey Rublev (6-1 4-6 7-6) al termine di un incontro rivelatosi improvvisamente equilibrato, una vera battaglia, dopo che per più di un set il greco sembrava dominante.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Conquistato il primo parziale cedendo appena un gioco, Tsitsipas ha sprecato qualche occasione di troppo nel secondo pagando poi caro l’unico passaggio a vuoto, nel decimo game, un break che l’ha costretto al terzo set dove l’equilibrio ha poi regnato fino al tie break.

Qui, in un’altalena di emozioni come il resto dell’incontro, Tsitsipas ha preso per primo il vantaggio, in due occasioni, salvo poi ritrovarsi sotto per 6-5 con il russo al servizio per chiudere il match, ma nel momento di massima tensione Rublev ha tremato concedendo, con un doppio fallo, la parità.

L’istante decisivo, come da copione, sprecata l’occasione, Rublev ha perso sicurezza e Tsitsipas, invece, ha messo le mani sui due punti successivi e sul match regalandosi così un incontro decisivo con Nadal ed eliminando dal torneo il russo.

Giovedì, infatti, Thiem affronterà Rublev in un incontro che non ha più nulla da dire mentre Nadal e Tsitsipas si contenderanno il secondo posto del girone, l’ultimo utile per volare in semifinale e non terminare qui il torneo e la stagione.

QUI, per la situazione aggiornata dei gironi delle ATP Finals di Londra.

QUI, per l’ordine di gioco di oggi (in campo il girone Tokyo 1970).

Migliori Bookmakers AAMS

Sito scommesseCaratteristicheBonusVai al sito
Eurobet10€ Bonus Scommesse al DepositoBonus Scommesse fino a 215€ Vai al sito
SNAIBonus 15€ Gratis alla RegistrazioneBonus 100% fino a 300€ sul primo deposito Vai al sito
Starcasino ScommesseFino al 300% Bonus Multipla ScommesseBonus Fino a 1000€ Vai al sito

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini