Tennis, ATP e WTA Cincinnati/New York: ecco i tabelloni di qualificazioni, diversi azzurri in campo

La bolla di New York ospiterà quest’oggi i primi incontri del primo dei due eventi che, nelle prossime settimane, catalizzerà tutta l’attenzione del tennis mondiale, il Master 1000/Premier 5 di Cincinnati.

In attesa del sorteggio dei tabelloni principali che verrà effettuato questa sera, il focus si sposta ovviamente sugli incontri del torneo di qualificazione che, soprattutto al maschile, può contare su una nutrita presenza di italiani.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Spicca subito il derby tutto azzurro tra l’astro nascente Jannik Sinner, numero 14 del tabellone, e il siciliano Salvatore Caruso mentre le altre due teste di serie, il numero 18 Gianluca Mager ed il numero 23 Stefano Travaglia se la vedranno rispettivamente contro due tennisti slovacchi, Andrej Martin e Norbert Gombos.

L’ultimo azzurro in gara è un veterano ed è Andreas Seppi che, invece, sfiderà il numero 12 del seeding, il ventiduenne sudcoreano Soonwoo Kwon con la speranza di incontrare poi Travaglia assicurando un azzurro in più nel main draw.

Nel tabellone femminile, invece, fa notizia la rinuncia di Camila Giorgi che non prenderà parte al torneo (mentre restano dubbi sulla sua presenza al successivo slam, lo Us Open), lasciando così la sola Jasmine Paolini impegnata nel prestigioso Premier 5.

La tennista toscana, che ha fatto intravedere recentemente, tra Palermo e Praga, discrete cose, appare però un po’ chiusa, nonostante la testa di serie di numero 23, dalla giovane statunitense Caroline Dolehide, potente e più adatta al cemento newyorchese.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini