Tennis, ATP Cincinnati/New York: esordio tribolato per Berrettini, fatica Djokovic, out Thiem e Zverev

Una giornata super intensa nel primo ATP Master 1000 di questa stagione 2020 incredibilmente travagliata, una giornata ricca di emozioni, vittorie sofferte, sconfitte pesanti sui campi in cemento di New York.

Tre set, quasi tre ore di gioco, match point sprecati, occasioni perse e poi ritrovate e molta disabitudine alle gare sono le caratteristiche principali dell’esordio tribolato di Matteo Berrettini, numero sei del tabellone, nel torneo di Cincinnati.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

L’azzurro, che dopo la semifinale raggiunta proprio su questi campi, lo scorso anno, agli Us Open, ha più che mai gli occhi puntati addosso, ha avuto la meglio in tre set del giovane finlandese Emil Ruusuvuori (6-4 6-7 7-5) proveniente dalle qualificazioni.

Adesso per Matteo ci sarà un’altra sfida molto complicata contro il bombardiere statunitense Reilly Opelka che, in due set, in maniera autoritaria e convincente, ha superato l’argentino Diego Schwartzman (6-3 7-6).

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Molti problemi anche per il numero uno e grande favorito sia del torneo di Cincinnati che dell’imminente Us Open, ovvero Novak Djokovic che, pur avendo risolto la pratica in due set, ha avuto molto da fare, in un’ora e quaranta minuti di gioco, complice anche un problema fisico al collo, per trovare il successo contro il lituano Ricardo Berankis (7-6 6-4).

Subito out, invece, il numero due del tabellone, l’austriaco Dominic Thiem, spazzato via dal campo racimolando solo tre giochi, dal serbo Filip Krajinovic (6-2 6-1), così come il tedesco Alexander Zverev che, in tre set, sprecando a suon di doppi falli la chance di chiudere al servizio l’incontro, ha ceduto al redivivo Andy Murray (6-3 3-6 7-5).

Buona la prima, invece, per il campione uscente Daniil Medvedev, eccellente protagonista lo scorso anno durante l’intera stagione nordamericana, vincente in apertura di giornata, in due set, contro lo statunitense Marcos Giron (6-4 6-4).

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Successi in due set anche per il russo Karen Khachanov, per lo spagnolo Roberto Bautista Agut e il canadese Milos Raonic, rispettivamente contro lo spagnolo Pablo Carreno Busta (7-6 6-1), il francese Richard Gasquet (7-5 6-1) ed il britannico Daniel Evans (6-3 7-5).

Entrambi sconfitti, invece, i giovani canadesi Denis Shapovalov e Felix Auger-Aliassime, tutti e due in tre set e tutti e due da favoriti, il primo contro il tedesco Jan Lennard Struff (7-6 3-6 6-4) e il secondo contro lo statunitense Tennys Sandgren (6-7 6-2 7-6).

Tra le partite di ottavi di finale, quest’oggi, spiccano senz’altro il nuovo test per Novak Djokovic contro il sempre ostico Sandgren e la rivincita della finale di Wimbledon 2016 tra Andy Murray e Milos Raonic, entrambi in cerca di una risalita nel ranking mondiale.

Occhi puntati, però, come già detto, anche su Berrettini contro il difficile Opelka e sui talenti russi Medvedev e Khachanov, opposti rispettivamente a Bedene e al ben più complicato Bautista Agut.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€