Tennis, ATP Challenger: Musetti in semifinale, fuori Giannessi, pioggia ancora protagonista

Si proverà a finire oggi, ma l’ATP Challenger di Antalya rimarrà noto soprattutto per le difficoltà legate al clima, alla tanta pioggia che ha rivoluzionato ogni giorno il programma portando alla domenica senza conoscere ancora i nomi in finale.

Intanto, però, le buone notizie arrivano da Lorenzo Musetti, numero cinque del seeding, che in tre set, in rimonta, ha avuto la meglio sull’australiano Akira Santillan (5-7 6-3 6-4), e sfiderà adesso, per un posto in finale, il turco Cem Ikel, vittorioso dopo tre ore e quaranta minuti di battaglia sull’argentino Tomas-Martin Etcheverry (6-7 6-4 7-6).

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Nell’altra semifinale, invece, sarà derby spagnolo tra Jaume Munar e Tommy Robredo, con il primo a segno in rimonta sull’azzurro Alessandro Giannessi (3-6 6-2 6-0), e il secondo, invece, vincente contro il croato Duje Ajdukovic (6-1 6-4).

Nell’altro evento ATP Challenger della settimana, in programma sul veloce indoor di Quimper, continua il buon momento del giovane statunitense, classe 2000, Sebastian Korda che, dopo gli ottavi di finale in autunno al Roland Garros e la finale di Delray Beach ad inizio anno, trova un altro importante risultato.

Korda, seconda testa di serie del torneo, ha raggiunto la finale dell’evento francese grazie alla vittoria, in due set contro il giocatore di casa Benjamin Bonzi (7-6 7-6), pure lui in buona condizione, reduce dalla finale ad Istanbul.

In finale Korda sfiderà lo slovacco Filip Horansky che in tre set ha sorpreso un altro giovane tennista statunitense, il classe 2001 Brandon Nakashima (7-6 4-6 6-4), sconfitto dopo quasi due ore e trenta minuti di gioco.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini