Tennis, ATP Challenger Istanbul: derby Giustino-Giannessi, ostacolo serbo per Musetti

Nell’intrepida attesa che la stagione australiana apra i battenti con i primi eventi da Melbourne, il circuito minore ATP Challenger prosegue il suo percorso impegnando già da questa settimana tutti quei tennisti che non hanno strappato il pass per l’altro emisfero.

Sono ben cinque gli azzurri impegnati nell’ATP Challenger di Istanbul, evento al via da quest’oggi sui campi in cemento indoor della città turca, e subito figura un derby al primo turno.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Lorenzo Giustino e Alessandro Giannessi, infatti, si ritroveranno l’uno di fronte all’altro nel loro esordio nel torneo mentre Lorenzo Musetti è l’unico azzurro accreditato di una testa di serie, la sesta, e se la vedrà nel primo turno contro il serbo Danilo Petrovic, numero 145 del ranking mondiale.

In campo anche Paolo Lorenzi, veterano del circuito, che sfiderà la wild card turca Ergi Kirkin, sconfitto ad Antalya pochi giorni fa da Matteo Berrettini, mentre completa la lista degli azzurri Federico Gaio impegnato contro un qualificato.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Tra i protagonisti del torneo, le prime due teste di serie sono il colombiano Daniel Elahi Galan e il giovane brasiliano Thiago Seyboth Wild, rispettivamente numero 115 e 118 del mondo, il primo opposto ad un qualificato, il secondo, invece, sorteggiato contro l’egiziano Mohamed Safwat.

Tra le altre teste di serie da sottolineare poi la presenza del francese Antoine Hoang, numero 121 del mondo, atteso dall’ecuadoriano Emilio Gomez, e dell’argentino Facundo Bagnis, numero 125, che esordirà contro il cinese Zhizhen Zhang.

QUI, per l’ordine di gioco di oggi (in campo Giustino, Giannessi, Musetti e Lorenzi).

QUI, per il tabellone completo dell’ATP Challenger di Istanbul.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini