Tennis, ATP Challenger di Parma: Marcora rimonta Musetti, fuori Nardi, oggi i quarti di finale

Il derby tra Roberto Marcora e Lorenzo Musetti era l’incrocio più atteso nel pomeriggio dell’ATP Challenger di Parma e, in effetti, il match non ha deluso le aspettative anche se il risultato finale sorprende e non poco.

Dopo due ore esatte di match, infatti, è il trentunenne di Bursto Arsizio, Marcora ad avere la meglio sul più giovane avversario, il classe 2002, in grande ascesa, numero 124 del mondo, Musetti, in rimonta al terzo set (3-6 6-4 6-4).

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale Federtennis)

Adesso per Marcora, convinto di poter fare bene sul veloce indoor di Parma, anche se ancora in cerca della migliore condizione dopo la lunga sospensione, ci sarà il tedesco Cedrik Marcel Stebe, numero 7 del seeding, che in due set ha piegato il belga Kimmer Coppejans (7-6 6-4).

Nel terzo ed ultimo incontro di giornata, infine, esce di scena il giovane Luca Nardi, entrato in tabellone grazie ad una wild card, felice comunque per l’esperienza fatta e necessaria, battuto in due set dal numero 8 del seeding, lo statunitense Maxime Cressy (6-3 7-6).

Oggi in programma, dalle ore 11, tutti gli incontri di quarti di finale con ancora ben tre italiani impegnati, Andrea Arnaboldi, Luca Vanni e Roberto Marcora, nella speranza di portarne avanti quanti più possibili per provare a colorare un finale azzurro per il torneo di Parma.

QUI, per il tabellone aggiornato dell’ATP Challenger di Parma.

QUI, per l’ordine di gioco di oggi.

Migliori Bookmakers AAMS

Sito scommesseCaratteristicheBonusVai al sito
Eurobet10€ Bonus Scommesse al DepositoBonus Scommesse fino a 215€ Vai al sito
SNAIBonus 15€ Gratis alla RegistrazioneBonus 100% fino a 300€ sul primo deposito Vai al sito
Starcasino ScommesseFino al 300% Bonus Multipla ScommesseBonus Fino a 1000€ Vai al sito

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini