Nuova SuperLega: 2 gironi con promozioni e retrocessioni

Prende forma la nuova SuperLega. Si chiamerà Lega dell’Unione Europea e prevedrà due gironi con promozioni e retrocessioni. Juventus, Real Madrid e Barcellona sono già al lavoro per la sua realizzazione.

La Superlega è uno degli argomenti che ha fatto più discutere negli ultimi tempi. L’obbiettivo iniziale era quella di creare una sorta di lega di élite che comprendesse solo le principali squadre europee. Inizialmente al progetto avevano aderito molte big (Milan, Inter e Juventus tra le italiane) ma la cosa non è piaciuta ai vertici alti del calcio che hanno minacciato le squadre partecipanti con severe sanzioni.

Per questo motivo che, a neanche un giorno dall’adesione, ad uno ad uno ogni club ha lasciato la competizione, temendo delle ripercussioni. A lavorare a questo progetto erano state la Juventus ed il Real Madrid che non si sono arrese davanti all’ostacolo della UEFA. Infatti, continuano, insieme al Barcellona, a credere nella possibilità di poter dare vita alla SuperLega.

Una nuova versione, quella a cui starebbero pensando, che sembrerebbe risultare più meritocratica agli occhi dei tre club che hanno ritoccato le regole e la struttura della competizione.

superlega

Superlega, nasce la Lega dell’Unione Europea

A cambiare, innanzitutto, sarà il nome. Si potrebbe parlare non più di Superlega ma di Lega dell’Unione Europea in modo da abbracciare tutte i paesi europei. L’idea è quello di realizzare due gironi con circa 14/16 squadre partecipanti, riprendendo le strutture delle conferences americane. A rendere il tutto più avvincente sarà il sistema di retrocessioni ma anche di promozioni che darà la possibilità di aprire la competizione a tutti.

La Lega, però, non andrebbe ad ostacolare i campionati nazionali che si svolgerebbero regolarmente fornendo la principale via d’accesso alle competizioni europee. Lo scopo della Lega era già ben chiaro da molto tempo: fornire spettacolo. Infatti, ogni settimana la competizione potrebbe proporre dei match sempre più avvincenti.

La volontà è quella di andare a pari passo con la Premier League che , rispetto agli altri campionati, ha subito un incremento economico negli ultimi anni, regalando sempre partite di grande spessore. La creazione è abbastanza ambiziosa ma Andrea Agnelli, Florentino Pérez e Joan Laporta sono già a lavoro ma attendono comunque notizie da parte della Corte di Giustizia europea.

Non si è ancora preso una decisione su quanto accaduto lo scorso anno. Solo attraverso un via libera, si potrebbe mettere mano alla realizzazione di una Lega che ancora oggi desta molti dubbi e fa storcere il naso a realtà più piccole che si sentono sempre più escluse.

Cesare Tartaglione

Informazioni sull'autore
"Non c'è altro posto al mondo dove l'uomo è più felice che in uno stadio di calcio" Classe 96. Nutro una vera venerazione per il calcio e una profonda passione per la scrittura e la libertà di espressione. Insegnante e divoratore di libri. Open minded.
Tutti i post di Cesare Tartaglione